Webp.net-gifmaker (5)
Allerta Meteo su Puglia e Molise il “clou” degli eventi estremi con grandine enorme e tornado | La Gazzetta di San Severo
Cronaca In evidenza Prima pagina

Allerta Meteo su Puglia e Molise il “clou” degli eventi estremi con grandine enorme e tornado

allerta-meteo-10-luglio

Allerta Meteo, Puglia e Molise saranno le regioni che subiranno il peggio di questa ondata di maltempo che sarà particolarmente intensa sul Centro-Sud: alto rischio di grandine enorme, tornado, venti distruttivi e nubifragi

Allerta Meteo – Oggi è atteso un importante outbreak di maltempo estremo con intense supercelle in grado di produrre venti distruttivi, tornado grandine da molto grande ad enorme sull’Italia sudorientale, l’Adriatico meridionale e il sud dell’Albania. Una grande depressione sull’Europa orientale-nordorientale spingerà una depressione a onda breve sull’Italia e i Balcani con una forte corrente a getto sull’area. Nel frattempo, la bassa pressione sulla Penisola Iberica si sposta verso sud-ovest, mentre una dorsale persiste sull’Europa occidentale e si rafforza sulle parti settentrionali del continente.

Meteo, il maltempo si sposta al Sud: pesantissima allerta Estofex per la Puglia, grandine enorme, venti distruttivi, tornado e bombe d’acqua

tornado warning allerta meteo (3)La zona HIGH RISK copre il Molise, la Puglia, l’Adriatico meridionale, il sud dell’Albania e l’estremo Nord-Ovest della Grecia per la minaccia di violente tempeste, piogge torrenziali/nubifragi, grande molto grande o enorme e tornado. Un’impostazione molto robusta prenderà forma questo pomeriggio e stanotte a causa di un’estrema instabilità (CAPE di 2500J/Kg fino a 4000J/Kg localmente) e un deep layer shear molto forte (25-35m/s) che si sovrapporranno perfettamente e supporteranno supercelle discrete e di lunga durata con venti distruttivi da forti ad estremamente forti e la minaccia di grandine molto grande. Una maggiore Storm Relative Helicity (SRH) lungo la costa sudorientale italiana supporterà anche tornado! Le tempeste si aggregheranno gradualmente in uno o due sistemi convettivi a mesoscala che si muoveranno sull’area verso il sud dei Balcani fino alle ore serali e continueranno verso la Grecia orientale e la Turchia occidentale nel corso della notte.

La zona SIG RISK copre parti della Puglia e dell’Adriatico meridionale dove le condizioni sono estremamente favorevoli per lo sviluppo di intense supercelle, forse anche tornadiche, in uno stretto corridoio lungo il fronte che avanza verso sud-est o il cluster di tempeste. Un impressionante afflusso orientale-sudorientale che mantiene punti di rugiada intorno ai 25°C lungo la costa pugliese determina uno shear dei bassi livelli di 10-13m/s e una SRH di 300-500m²/s². Sovrapposti ad un’estrema instabilità e ad un indice CAPE di 2500-3500J/Kg, qualsiasi tempesta si organizzerà rapidamente in un’intensa supercella e avrà il potenziale di diventare velocemente tornadica. Questi valori supporteranno supercelle di lunga durata e potrebbero sviluppare uno o due tornado, insieme a grandine molto grande o enorme. Inoltre, le supercelle con il potenziale di un Bow-echo lungo la linea principale di un possibile sistema convettivo a mesoscala introdurranno la minaccia di venti estremamente forti, con raffiche che potrebbero superare i 120km/h e grandine guidata dal vento.

Le zone MDT/ENH/SLGT RISKS coprono le aree intorno al livello HIGH, incluso il Centro-Sud dell’Italia , l’Adriatico e il sud dei Balcani, dove sono probabili eventi meteo forti o estremamente forti ma con una minor copertura. Localmente sono previsti grandine di grandi dimensioni e venti distruttivi. SLGT RISK è stato esteso anche alla Sicilia, all’Egeo e alla Turchia occidentale per possibili violente tempeste isolate.

Le zone TSTM RISK coprono le aree dove sono probabili tempeste convettive ma che non dovrebbero essere altrettanto forti.

Massima attenzione, dunque, per il maltempo estremo imminente al Centro-Sud. Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale, in modo particolare con i nuovi radar meteo aggiornati:

www.meteoweb.eu