Webp.net-gifmaker (5)
CASA RIPOSO: IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO STORICO DR. FELICE SCARLATO CONTESTA L’ATTUALE GESTIONE | La Gazzetta di San Severo
Comunicati

CASA RIPOSO: IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO STORICO DR. FELICE SCARLATO CONTESTA L’ATTUALE GESTIONE

casadiriposomasselli

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO QUESTA LETTERA RICEVUTA DAL DR. FELICE SCARLATO PER 38 ANNI DIRETTORE AMMINISTRATIVO DELLA LOCALE CASA DI RIPOSO “CONCETTA MASSELLI”: — Carissimo Direttore, sento la inderogabile necessità, quale Direttore Amministrativo storico della Casa di Riposo (1978-2016) e nelle more della sentenza definitiva del Giudice del Lavoro presso il Tribunale di Foggia da me a suo tempo adito (rinviata a fine Giugno 2019), di evidenziare i paradossi e le incongruenze della gestione del Commissario Straordinario NADA PENNACCHIA, incaricata per 6 mesi con primo Decreto n°238/16 del 24.4.2016 del Governatore EMILIANO. Tale gestione è stata successivamente prorogata con altri due Decreti, l’ultimo dei quali n° 162/18 del 19.2.2018 sempre al fine di attuare la “trasformazione della Casa di Riposo C. Masselli in A.S.P. e/o Fondazione ed Associazione di diritto privato in sostituzione C.d.A. inadempiente”. Solo in data 14.1.2019 (dopo quasi 3 anni dall’incarico) la PENNACCHIA con delibera n°1/19 ha adottato una “proposta di approvazione schema di statuto della fondazione”, senza adottare contestualmente l’atto costitutivo propedeutico per avviare correttamente il procedimento amministrativo presso il Consiglio Comunale di S. Severo e competente Assessorato della Regione Puglia. Tutto questo nonostante la C. S. PENNACCHIA sin da metà novembre 2016 si sia avvalsa di un corposo “team di volontari” (ben 6 unità tra avvocati e consulenti) gestendo l’IPAB Masselli “tutt’ora ente pubblico–vedi Albo Regione Puglia”, in modo del tutto privatistico e personale. La stessa ha adottato, tra novembre 2016 e gennaio 2019, “delibere” che tali non sono in quanto carenti di “tutti gli elementi essenziali per tale atto tipico dell’attività amministrativa di un ente pubblico locale”. Quelle delibere sono soggette a “nullità e/o annullabilità” e prefigurano responsabilità anche per danni erariali: in quanto carenti della firma ed assistenza di un “Direttore Amministrativo”. La PENNACCHIA, senza avere né i poteri né la competenza del C.d.A., ha di fatto privatizzato l’IPAB MASSELLI adottando specifici e particolari atti quali: n° 14/17, 17/17, 20/17 e 23/17 e conseguentemente conferito dal 1° gennaio 2018, e per 6 anni, tutti i servizi e la “gestione economica finanziaria ed amministrativa dell’IPAB Masselli” alla COOPERATIVA SOCIALE OASI (soggetto di diritto privato). A proposito della Cooperativa Oasi andrebbero approfonditi dagli Organi Istituzionali competenti, il possesso dei requisiti di legge per l’appalto e la gestione dei precitati servizi. Con Determine Dirigenziale dell’area II n° 80 e 81 del 7.2.2019 del Comune di S. Severo si è proceduto, su richiesta specifica della PENNACCHIA, alla “revoca” del funzionamento dell’IPAB C. Masselli per n° 68 posti letto-R.S.A. (vedi Determine Reg. n°0343/13 e 0427/13), e contestualmente “autorizzato” invece la Cooperativa Sociale OASI al “funzionamento di una R.S.S.A.” per n° 62 posti letto senza la preventiva verifica del possesso di idonee strutture e servizi che sono invece tutt’ora di PROPRIETÀ DELLA CASA DI RIPOSO C. MASSELLI. Infine si sottolinea che la C.S. PENNACCHIA ha ripetutamente rifiutato al sottoscritto l’accesso agli atti per la pratica di pensione relativa ai 38 anni di servizio prestati per l’IPAB, né provveduto alla predisposizione del suo pensionamento. Mi auguro che almeno gli attuali CANDIDATI SINDACI intervengano sulla “vexata quaestio”, dicendomi sin d’ora pronto a un confronto pubblico e/o dibattito in contradditorio.
dr. FELICE SCARLATO
Segretario Generale a. r.
Direttore A.S.P. a. r.
e Revisore Contabile

FOTO FELICE SCARLATO