Webp.net-gifmaker (5)
Cittadini in Azione apre le porte a L'Alternativa: insieme per studiare soluzioni ai problemi della città - La Gazzetta di San Severo
Comunicati

Cittadini in Azione apre le porte a L’Alternativa: insieme per studiare soluzioni ai problemi della città

cittadini in azione LOGO

Il Movimento Cittadini in Azione, coordinato da Gino de Letteriis, nei giorni scorsi ha incontrato il coordinatore cittadino del movimento L’Alternativa, Leo Irmici, al fine di condividerne programmi e finalità con l’obiettivo di migliorare la realtà sanseverese.

“La città di San Severo – spiega il coordinatore di Cittadini in Azione, Gino de Letteriis – ha bisogno di un nuovo corso e dell’impegno della comunità al fine di migliorare la qualità della vita di quanti ci vivono. Abbiamo accolto con favore la proposta del movimento L’Alternativa di condividere idee e progettualità per una città migliore”. Nel primo incontro i responsabili del movimento Cittadini in Azione hanno posto l’accento sulla necessità di rendere la città maggiormente attrattiva per i turisti e per i residenti dei comuni limitrofi, oltre che per i cittadini stessi. “È ormai consuetudine – continua Gino de Letteriis – per molti sanseveresi e per quanti vivono nei comuni dell’hinterland approfittare delle giornate festive per recarsi in altre zone commercialmente più vive. Si tratta di risorse economiche importanti che vengono a mancare per i commercianti locali a beneficio di altre realtà. Riteniamo che ciò avvenga soprattutto a causa di una scarsa offerta di eventi e manifestazioni che impoveriscono la città. Infatti, mentre per il Natale, molti Comuni, come Candela e la vicina Lucera, ma anche la stessa Foggia hanno allestito mercatini, luminarie, villaggi natalizi, attività ludiche e quant’altro facendo diventare il Natale un evento da vivere con migliaia di visitatori, anche quest’anno la città ha perso una importante occasione”. Secondo il movimento civico infatti le realtà commerciali soffrono l’assenza di una programmazione annua di manifestazioni, che vedono le famiglie costrette a recarsi in altre località in cerca di svago. “Si tratta – concludono dal movimento Cittadini in Azione – di un primo incontro a cui siamo certi ne seguiranno altri nell’intento di affrontare punto per punto le problematiche della città e studiare soluzioni e iniziative per invertire la rotta che negli ultimi anni ha imboccato la città”.