Webp.net-gifmaker (5)
CONVIVERE CON L’ALZHEIMER, CURARE LA DEMENZA E PRENDERSI CURA DELLA PERSONA | La Gazzetta di San Severo
Comunicati

CONVIVERE CON L’ALZHEIMER, CURARE LA DEMENZA E PRENDERSI CURA DELLA PERSONA

LOGO ALZHEIMER

L’Associazione “La Casa dei Sogni “, con il patrocinio dell’ ASL, del Comune, della Diocesi e della Consulta delle Associazioni di San Severo, nonché degli Ordini dei Medici e degli Infermieri della Provincia di Foggia, ha ideato, promosso e realizzato una giornata di studi intitolata “ CONVIVERE CON L’ALZHEIMER CURARE LA DEMENZA E PRENDERSI CURA DELLA PERSONA”.
L’evento si è svolto sabato 4 maggio scorso a San Severo presso l’Auditorium della scuola media “ F. Petrarca” ed è stato accreditato dal Ministero della Salute.
La giornata di studio si è svolta attraverso un intenso programma che si è caratterizzato in tre momenti :
1. LA LEZIONE MAGISTRALE “Quale attenzione per la persona con la malattia dell’Alzheimer?”, tenuta dal dott. Bernard Cranet (Geriatra degli ospedali di Thouars Saumur, Longuè – Francia);
2. WORD CAFE’ “Il Medico di Medicina Generale tra Persona, Famiglia e Comunità”, condotto da Donato Salfi (psicologo, psicoterapeuta, dirigente responsabile UOD formazione ASL Taranto, professore di Psicologia Generale all’Università di Bari);
3. TAVOLA ROTONDA “Generare il benessere fisico, mentale, sociale e spirituale della persona con Demenza nella Comunità”. Hanno partecipato al tavolo: Wilma Ardisia (medico di Medicina Generale), Simona Venditti (assessore alle Politiche Sociali), Lidia Corticelli (vicepresidente della Casa dei sogni), Giuseppe Pica (Direttore del Distretto Socio Sanitario 51, ASL di Foggia), don Luigi Rubino (Vicario Generale della Diocesi di San Severo)
La giornata di studio, che ha registrato un overbooking, ha raccolto un elevatissimo indice di gradimento dai partecipanti per l’elevatissima valenza formativa e scientifica degli argomenti trattati e per l’innovazione della metodologia adottata in cui ogni partecipante era parte attiva alla discussione degli argomenti svolti.
L’entusiasmo dei partecipanti si è dispiegato in tutta la sua potenzialità raggiungendo l’obiettivo di volere, in un’ottica di sussidiarietà, individuare un bisogno nel mondo della demenza e rispondervi celermente, anticipando l’azione comprensibilmente più lenta delle Istituzioni. Il bisogno individuato è quello di creare luoghi e tempi di incontro e di dialogo tra i diversi attori Istituzionali e della comunità, finalizzati a generare soluzioni condivise che permettano di curare la malattia e, contemporaneamente, di prendersi cura della persona.

A conclusione della giornata è stato prodotto un documento, con il contributo di tutti gli esperti e i partecipanti, in cui sono sintetizzate tutte le azioni che bisogna intraprendere e si invitano tutte le Istituzioni (ASL, Comune, Ordine dei Medici, Consulta delle Associazioni….) ad essere parte attiva nell’intraprendere l’iniziativa di costituire un tavolo di coprogettazione che possa recepire le proposte evidenziate nel documento e utilizzarle in una piattaforma utile per sviluppare il sistema di gestione della cura della demenza e di tutto ciò che può essere utile per la cura della persona nella Comunità.
Il Presidente della Casa dei Sogni
​ Antonella de Litteriis