Webp.net-gifmaker (5)
GIANPIERO: POTRÀ RIENTRARE IN ITALIA DOPO L’ULTIMA VISITA MEDICA DI LUNEDÌ | La Gazzetta di San Severo
Comunicati In evidenza Prima pagina

GIANPIERO: POTRÀ RIENTRARE IN ITALIA DOPO L’ULTIMA VISITA MEDICA DI LUNEDÌ

F9BC1484-6518-4093-9F89-12E85F45678A

Carissimi lettori della Gazzetta di San Severo, ormai tutti insieme ci siamo affezionati a Gianpiero SAGLIMBENE, il Sergente Maggiore dell’Esercito in servizio presso i ‘Lancieri di Novara’ (5°), di stanza a Codroipo.
Ha 37 anni ed è originario di San Severo.
Sappiamo inoltre tutti dell’importanza vitale della raccolta fondi, per cui moltissimi si sono mobilitati per “donargli” una possibilità di grazia.

E sono arrivati: il viaggio negli Stati Uniti; gli interventi chirurgici da parte di una prestigiosa equipe e di un Uomo illustre, considerato un’ancora di salvezza, il Dott.
Kato TOMOAKI, che già in passato era riuscito a salvare un giovane ammalato come Gianpiero, grazie ad una procedura da lui inventata, chiamata Whipple.
Questo perché la malattia di Gianpiero, il “SARCOMA DESMOPLASTICO A PICCOLE CELLULE ROTONDE”, di cui si è ammalato nel 2014, è rarissima e letale.

Eppure con tantissima forza, sostenuto dalle amorevoli ed immancabili cure di sua moglie Barbara, della propria famiglia, ma anche affiancato, seppur virtualmente, da Noi tutti che, chi con la preghiera, chi con un commento affettuoso e chi anche solo con un semplice pensiero di vicinanza…ebbene Gianpiero finora ce l’ha fatta!!

Parole che riecheggiano con armonia, rispecchiando quel senso di vita che vorremmo veder trionfare in barba al destino più crudele ed uniti da una catena umana di Fratellanza, superiore ad ogni malvagia fattezza.

Ed avevamo lasciato Barbara felice di poter tornare in Italia dai figli Andrea e Lorenzo, di 8 e 6 anni.
Barbara una moglie forte ed attenta a non trascurare nessun dettaglio per far star bene l’adorato marito.
Gianpiero intanto, in compagnia della sorella Francesca, era rimasto a New York per continuare a sottoporsi a delle cure a domicilio.

Certo bisognerà attendere per capire come reagirà il tumore…ma noi vogliamo credere, pregare e sperare che tutto continui ad andare per il verso giusto!

Barbara sul suo profilo Facebook rende noto:
“Ieri Gianpiero é stato visitato dal dott. KATO che, dopo aver rimosso i drenaggi e parte dei punti, gli ha comunicato che tutto procede bene e può tornare in Italia…
Lunedì quindi avrà l’ultima visita medica con l’oncologo e poi potrà tornare in Italia”.

L’ha scritto per ben due volte e noi la terza la gridiamo tutti insieme con grande benevolenza…
“GIANPIERO POTRÀ TORNARE IN ITALIA!”.

Dopo la visita di lunedì.
Ci speriamo

Elisabetta Ciavarella