Webp.net-gifmaker (5)
GIANPIERO STA RISPONDENDO BENE ALLE CURE | La Gazzetta di San Severo
Comunicati In evidenza Prima pagina

GIANPIERO STA RISPONDENDO BENE ALLE CURE

F1C68C7A-B0FA-4067-BA64-2971A07BC4B2

Avevamo lasciato Barbara RADO, la moglie di Gianpiero SAGLIMBENE, il Sergente Maggiore di 37 anni, originario di San Severo ed affetto da un male considerato incurabile, quale è il “SARCOMA DESMOPLASTICO A PICCOLE CELLULE ROTONDE”, con un’operazione all’addome conclusa ed andata bene, durante la giornata di sabato 13 Luglio, anche se con fusi orari differenti.

Gianpiero si trova a New York, al Presbyterian Hospital, dove il dr Kato TAMOAKI ha eseguito su di lui un delicatissimo intervento durato 15 ore, come rettificato dalla moglie Barbara.
Oggi lunedì 15 Luglio, il dr Kato è passato con la sua equipe per constatare che tutto sia andato bene e per valutare quando, come e se procedere ad un secondo intervento in cui verificare che tutti gli allacci effettuati siano a posto e se c’è altro da pulire.

“BARBARA, COME STA GIANPIERO?”.
“Gianpiero è stabile, vigile e parla. I dolori sono abbastanza controllati…Gli hanno tolto il sondino naso-gastrico e l’ossigeno. Hanno iniziato anche a fargli bere un po’ di acqua e proveranno a metterlo seduto sulla sedia. Sono molto riconoscente a Kato TAMOAKI che è un uomo, prima che un medico, dotato di una grande sensibilità ed una straordinaria intelligenza. Sono profondamente grata e riconoscente per aver donato una SPERANZA DI SALVEZZA a mio marito”.

Ricordiamo che a Gianpiero è stato finora tolto un tumore che era nell’ addome di oltre 15 centimetri, senza asportare il pancreas ed il fegato. Su di lui si è proceduto alla Colectomia e successiva Colostomia (porterà il sacchetto esterno per un po’ di tempo). Ha perduto molto sangue ed ha subito diverse trasfusioni.
Ma Gianpiero che si è ammalato nel 2014, è già stato sottoposto a molte cure chemioterapiche.
Purtroppo la sua è una rarissima patologia ed in Italia non è stato possibile trovare una tecnica che lasciasse intravedere speranze di salvezza.
Elisabetta Ciavarella