Webp.net-gifmaker (5)
Il “Futuro prossimo della festa del Soccorso” | La Gazzetta di San Severo
Festa del Soccorso In evidenza Prima pagina

Il “Futuro prossimo della festa del Soccorso”

FOTO DARIO MONTAGANO

Visto la restrizione per le vigenti legge “sulla sicurezza”  che ha limitato in modo drastico la quantità e la qualità  dei “botti” esplosi come Tradizione e da anni al passaggio  della PATRONA Maria Santissima del Soccorso durante i Suoi festeggiamenti: L’azienda ENOAGRIMM si assumerà l’onere e l’onore  di sponsorizzare i costi necessari per affiancare, al tecnico firmatario dell’attuale  “piano di sicurezza”,   altri tecnici abilitati già contattati;  questi, visionando l’attuale  Piano di Sicurezza, hanno confermato che  lo stesso si può rifare  senza intaccare la Tradizione sanseverese il tutto  in ossequio alle vigenti  “leggi” in materia di “sicurezza e, con pochi limiti. San Severo riavrà in BREVE tempo, quello che è stato  tolto in tutte le feste rionali, la prossima Festa del Soccorso sarà anche con il nostalgico  TA, TA,TA BUMM…!

La Festa del Soccorso della città di San Severo è, sin dal 1580,  un evento UNICO NEL SUO GENERE, e non si può NEANCHE LONTANAMENTE pensare di sminuirlo: tutti, domenica 19 maggio u.s., hanno  sofferto nel sentire e  nel vedere i pochi e insignificanti  “botti”  preparati a misura di “legge”  per accogliere la  “PROTETTRICE DEI CAMPI”;tutti hanno  sentito la mancanza dei botti tonanti e il profumo della “polvere da sparo”come è stato tramandato dai nostri nonni.

 

A parere del sottoscritto è dovere di tutti preservare la magia dei “botti tradizionali” che  richiamano da sempre  migliaia  di fedeli,  turisti, curiosi e fotografi di OGNI PARTE, e  che rendono da anni ricca, BELLA e affollata  la nostra  FESTA.

La FESTA DEL SOCCORSO è nel sangue di noi SANSEVERESI; viene vissuta da tutti noi già  dal mese di aprile, quando la MADONNA, durante la VESTIZIONE,  viene adornata del suo Abito  Prezioso:IL VESTITO della “Festa”, appunto;  mentre “Lei si Veste” del Suo abito più bello, TUTTI i sanseveresi si preparano ad onorarla.

Nei primi giorni di maggio tutti noi ci emozioniamo a vedere l’immancabile  montaggio  dei pali delle luminarie,le strisce i fiocchi con i  colori della MADONNA per abbellirei rioni che fanno pregustare la festa che ci riempirà  di emozione al passaggio della “NOSTRA PATRONA”, nelle giornate a Lei dedicate, infatti alla terza domenica di maggio con la  mente e con il cuore lasciando ogni impegno, TUTTI ci prepariamo  alla processione, alla banda , alla folla di turisti e visitatori,MA SOPRATTUTTO  alle “batterie fragorose”lungo la processione, accompagnate dalla corsa colorata e festosa dei fujenti di ogni età ove TUTTI salutano con applausi sentiti Lei,quando arriva nel rione;si Lei, la nostra  MERAVIGLIOSA E BELLA MADONNA DEL SOCCORSO; una tradizione, insomma, da rispettare e da lasciare così come ci è stata tramandata, che si attende da sempre, con grande emozione che giunge al culmine al SUO rientro.

Certamente non possiamo vivere la Festa solo nel ricordo! Quello che ci è stato “”concesso””  domenica 19 maggio,con la limitazione drastica della durata e potenza delle “batterie” è un’offesa alla nostra Tradizione, alla  Città  e soprattutto alla nostra“MADONNA PROTETTRICE DEI CAMPI” che sin dal 1580 è stata sempre venerata al Suo passaggio con i “ fragorosi e lunghi botti” in ogni rione della città per scongiurare i cattivi raccolti.

Con orgoglio la ENOAGRIMM si impegna e il sottoscritto promette a tutti gli amanti delle Tradizioni che  la nostra prossima FESTA DEL SOCCORSO RITORNERA’ BELLA, UNICA, EMOZIONANTE  come sempre e congli irrinunciabili TA, TA…. BBBUUMMM!

San Severo 23 maggio 2019.                                                                                DARIO  MONTAGANO

image003