Webp.net-gifmaker (5)
Per San Severo l’organizzazione e la buona riuscita della Festa del Soccorso sono punti fondamentali per la sopravvivenza della Città - La Gazzetta di San Severo
Comunicati

Per San Severo l’organizzazione e la buona riuscita della Festa del Soccorso sono punti fondamentali per la sopravvivenza della Città

san severo unita

Per San Severo l’organizzazione e la buona riuscita della Festa del Soccorso sono punti fondamentali per la
sopravvivenza della Città stessa. Inutile nascondere che il Maggio Mariano, dedicato completamente alla nostra Santa
Patrona, è per San Severo una fonte di attrazione e guadagno economico. Moltissimi sono i fedeli, curiosi, forestieri,
vacanzieri, devoti che in quei giorni popolano e danno vanto alla nostra città ed alla nostra Protettrice.
Il vivere tutti insieme quel determinato e breve periodo conferma che San Severo ha voglia di lottare. Ha voglia di
rifiorire. Ha bisogno di dimostrare che non è come quella dipinta dai mass media o da qualche “illustre” concittadino (
… tutti bravi e leoni dietro le tastiere!)
Vogliamo ricordare che con regole giuste, studiando ed apprendendo un’educazione civica consona alla grandezza
della nostra San Severo, possiamo eliminare tutte le etichette negative affibbiateci in passato. Possiamo veramente
dimostrare che la realtà è diversa da quello che si racconta.
Dobbiamo capire e confermare che San Severo ha voglia di essere devota, civile, viva, florida, pulita, ordinata. Per
troppo tempo si sono sentite negatività sulla nostra Terra, sulla nostra Festa e sulle nostre tradizioni. I sanseveresi
vogliono vivere, pregare, sorridere, festeggiare, gioire, cantare. Le nostre strade devono essere piene di colori, di
luminarie, di famiglie in festa. I sapori dei prodotti, locali e non, devono inebriare i nostri sensi. Sentiamo l’esigenza di
appartenere a qualcosa di grande.
Quel qualcosa l’abbiamo con noi, da sempre! E’ il nostro Dna sanseverese.
Vogliamo concludere dicendo che la Nostra Festa Patronale, “non è un trofeo espositivo, un vanto per chi riesce per
primo a far sparare i fuochi!!!!!!!!!!!!!!!!!”.
Cambiano i personaggi, prefetti, i vertici politici e le associazioni, ma ogni anno si presentano sempre le stesse
problematiche.
Notiamo con disappunto che si stanno strumentalizzando l’organizzazione, la presentazione e la buona riuscita
dell’evento. Si parla di tavolo tecnico, ma per fare cosa? Per sentire parlare fino alla noia personaggi che decantano
ipotetiche soluzioni o che cercano un po’ di notorietà in vista delle prossime elezioni?
LA FESTA DELLA MADONNA DEL SOCCORSO, NON E’ DI DESTRA! NON E’ DI SINISTRA! NON E’ DI CENTRO!
È di tutti noi sanseveresi che abbiamo voglia e coraggio di lottare per una nostra tradizione.
Bisogna lavorare celermente per organizzare il tutto. Ogni giorno perso è una sconfitta per la nostra comunità.
Impegno, devozione, educazione e rispetto delle regole. Quattro semplici punti da cui partire per far si che la Nostra
Festa Patronale possa realizzarsi. Chi può ha l’obbligo, nonché il dovere morale di attivarsi! La prossima festa dovrà
essere vissuta, valorizzata, elogiata. Tutti insieme possiamo farcela, senza manie di protagonismo. Facciamo si che le
nostre tradizioni non scompaiano e che non diventino solo storie da raccontare come le fiabe.

San Severo Unita Movimento Giovanile San Severo Unita
Michele Nardella