Webp.net-gifmaker (3)
San Severo: Don Salvatore Ricci, Massimo e Michele alla scoperta dell’Africa… e di se stessi. | La Gazzetta di San Severo
Comunicati In evidenza Prima pagina

San Severo: Don Salvatore Ricci, Massimo e Michele alla scoperta dell’Africa… e di se stessi.

ec624cca-0e45-463c-8ed1-3e0f1a9ff3d1
Un viaggio in Africa per sancire il gemellaggio tra la comunità della Divina Provvidenza di San Severo e il villaggio di Bountà a Cotiakou, in Benin. E’ quanto accadrà a Don Salvatore Ricci, Massimo Irmici e Michele Russo, da lunedì 14 ottobre fino al 7 Novembre. Il parroco accompagnato da due giovanissimi di 19 e 17 anni, proprio nel Mese Missionario, partirà per conoscere la Cappella creata nel villaggio di Bountà grazie alle offerte dei parrocchiani della ‘Madonna della Divina Provvidenza’ e per condividere il proprio tempo con tutta la comunità africana. “Per me – commenta Don Salvatore – non è la prima volta, ma questa partenza ha un sapore particolare. Al giorno d’oggi, i giovani chiedono come regalo ai propri genitori l’ultimo smartphone, guardaroba sempre pieni e persino la macchina. Massimo e Michele, invece, hanno chiesto di partire per Cotiakou e per farlo hanno dovuto racimolare un bel gruzzoletto di soldi, lavorando e rinunciando anche a qualche sfizio. Partiamo, quindi, alla scoperta dell’Africa e di noi stessi”. “All’inizio sembrava solo una provocazione fatta a Don Sasà – spiega Massimo Irmici – ora è un sogno che si avvera. Aspetto con ansia di giocare con i bambini, guardargli negli occhi e di vederli gioire con poco. A noi, infatti, manca proprio questo: il senso di gratitudine alla vita anche e soprattutto per le piccole cose”. “Non chiedeteci – fa eco Michele Russo – cosa ci aspettiamo da questa esperienza. Più che altro il quesito giusto è: cosa cambierà in noi, dopo l’Africa? Mi auguro che possiamo guardare il mondo da una prospettiva diversa, più semplice e concreta. Questo viaggio avrà un senso se saremo, una volta tornati, giovani di senso”.
Nel frattempo, stasera alle 20 tutta la comunità pregherà per l’importanza delle missioni, ricordando nelle preghiere in particolar modo Don Salvatore, Massimo e Michele.
Ciro Mancino