Cultura

SAN SEVERO: TEATRO “VERDI”, 80 ANNI E NON SENTIRLI

FOTO ARCOSCENICO TEATRO

di MICHELE MONACO

IL PROSSIMO 9 DICEMBRE COMPIRA’ 80 ANNI! A guardarlo bene non li dimostra perché si conserva integro e solido.Tutti lo possono ammirare nella sua austera imponenza, nel suo stile neo-classico. E’ venuto alla luce- a San Severo, nel giardino del monastero delle suore BENEDETTINE – nel lontano 1937, esattamente la sera del 9 dicembre. E’ stato subito adottato da tutti quei Sanseveresi che sono accorsi a vederlo. MAI ADOZIONE FU COSÌ FELICE. Per lui gli anni non passano mai e guarda tutti i Sanseveresi dall’alto in basso. La sua non è arroganza, né supponenza, ma è autorevolezza. Del resto in tutta la Puglia per alcuni anni non è stato secondo a nessuno. Ha saputo rimanere sempre al suo posto, tra Corso GARIBALDI e via TIBERIO SOLIS, sempre lì: serio,immobile. Intanto generazioni di Sanseveresi si sono avvicendate mutando costumi, modelli culturali, indirizzi politici. NE HA VISTO DI TUTTI I COLORI: DENTRO E FUORI… Se potesse parlare ne racconterebbe di cose, ma la cifra stilistica che lo contraddistingue è il silenzio e la discrezione. Bisogna frequentarlo spesso, soprattutto dal di dentro, perché è lì che ti trasmette delle forti emozioni. Quando ti fai coinvolgere dal suo aspetto interiore è impossibile che ti lasci indifferente. Voi non immaginate l’effetto “incantatorio” che provoca soprattutto a quei fortunati bambini che lo hanno conosciuto, mentre agli adulti incute rispetto e perfino timore. Naturalmente c’è stato, nel corso degli anni, chi gli ha mancato di rispetto ma ha trovato subito chi ha saputo rimediare alle offese. Non sarebbe elegante, proprio per i suoi 80 anni, stare a ricordare episodi sgradevoli. Bisogna guardare al futuro e augurargli il doveroso:“cento di questi giorni”. L’amore e la generosità di tanti Sanseveresi gli hanno dedicato passione, cura e ammirazione. Lo hanno fatto quando si chiamava “LITTORIO”, quando lo hanno definitoTEATRO COMUNALE” e quando lo hanno denominato “GIUSEPPE VERDI”.  Intere generazioni di spettatori-cittadinilo hanno considerato un monumento della propria identità, un punto di riferimento culturale irrinunciabile. Pertanto, coscienti eredi dello spirito che guidò le passate generazioni nell’immaginare e realizzare un gioiello simile, ripensiamo al motto che SPICCA tuttora sull’ARCOSCENICO:<<ARS LUMEN VITAE>>, un motto che brilla da 80 anni nel nostro Teatro e che le future generazioni devono continuare a far brillare.AUGURI!