Webp.net-gifmaker (5)
SAN SEVERO: UNA GIUNTA COMUNALE ESPERTA ED AFFIDABILE | La Gazzetta di San Severo
Comunicati In evidenza Prima pagina

SAN SEVERO: UNA GIUNTA COMUNALE ESPERTA ED AFFIDABILE

editoriale1-300x204

di DESIO CRISTALLI

Non manca molto al varo della Giunta Comunale. Per il Sindaco MIGLIO è il momento delle scelte e, dunque, il momento più delicato, atteso che bisogna operare scelte, dopo gli incontri con i partiti della coalizione, spesso dolorose sul piano personale. In questi casi molti sono i chiamati (e gli autoproposti!) ma pochi saranno gli eletti, tra cui almeno tre donne. Ora MIGLIO ha tutta l’esperienza sufficiente per non sbagliare e per puntare al varo di una Giunta forte, cioè esperta ed affidabile. Le ultime elezioni hanno creato equilibri diversi nella sua coalizione, per cui il Sindaco non potrà non tenerne conto nella scelta degli Assessori. La nuova Giunta sarà presentata nel corso del primo Consiglio Comunale, allorchè i nuovi Consiglieri eleggeranno pure, a scrutinio segreto, il nuovo Presidente del Consiglio. Rispetto ai cinque anni precedenti, forse sarebbe cosa buona e giusta non distribuire un mare di deleghe, parecchie delle quali poco utiliai fini pratici. Dare 12-15 deleghe ad un Assessore significa già porgli in partenza un freno operativo perché in ogni materia dovrà avere il tempo per fare esperienza e capire il da farsi, unitamente ai dirigenti d’area e agli uffici e servizi che delle varie materie sono l’esercito operativo sul campo. Le deleghe minori, unitamente ad alcune importanti, possono rimanere nelle mani del Sindaco che, in fondo, è responsabile di TUTTO. Forse non sarebbe male, attese certe lacune della macchina burocratica degli ultimi anni, riunire tutto il personale dipendente e…recitare il vangelo amministrativo da ossequiare ogni giorno a contatto col pubblico e con tutti gli altri soggetti che hanno continui contatti col Comune (ministeri, forze dell’ordine, comuni, province, regioni, enti territoriali e così via). Il punto di riferimento migliore potrebbe essere l’ultimo anno di attività prima delle recenti elezioni comunali, quello ‘universalmente’ ritenuto il più redditizio per la Città. Bisogna ripartire da quanto fatto negli ultimi dodici mesi e tentare di fare meglio. Non si chiede la luna ma una realtà migliore di quella odierna, ancora ricca di punti interrogativi sulla strada verso un futuro prossimo che possa dare certezze alla nostra popolazione e, soprattutto, motivi validi ai nostri giovani per non mandarci a quel paese ed andarsene a vivere altrove. Che ne dite a Palazzo? Vogliamo tentare tutti insieme appassionatamente di vivere meglio, in una Città più ricca di ordine, sicurezza, igiene urbana e convivenza civile? Almeno tentiamo con buona volontà e piglio sociale giusto. Sindaco, fuoco alle polveri e…c’ vd’maufnel!!!