ComunicatiIn evidenzaPrima pagina

Buona sanità – La testimonianza di Elisabetta: “l’Ospedale San Severo non merita il declassamento!”

In questi giorni si sente spesso parlare del declassamento del nostro ospedale…ovviamente tutti noi speriamo non avvenga… Ed è in questa occasione che vorrei fare un elogio ad un reparto che mi ha davvero piacevolmente sorpresa!! Quello di ostetricia e ginecologia! Risulta sempre molto facile criticare e polemizzare, ma a mio avviso dovrebbe essere altrettanto facile encomiare chi se lo merita! Sono stata ricoverata dal 2 all’8 settembre per la nascita del mio piccolo. In quei giorni ho avuto modo di conoscere tutto il personale e posso con certezza affermare che sono davvero dei professionisti competenti. Le ostetriche sono una più brava dell’altra, dolci ed empatiche! In particolar modo ricordo con affetto Laura Annarita e Michela! La puericultrice Angela è una forza della natura e ci ha aiutato tanto nelle prime fasi dell’allattamento. Le infermiere brave e gentili come anche le signore che si occupavano di tenere la stanza sempre pulita ed in ordine! Un ringraziamento particolare va alla dottoressa Alessandra Spada che mi ha reso la donna più felice del mondo! Con il suo carattere e la sua professionalità è riuscita a tranquillizzarmi e ad infondermi sicurezza nonostante le 3 induzioni e poi il cesareo. Un altro grazie anche a tutti gli altri medici che ho avuto modo di incontrare durante la mia permanenza. Sono stata davvero felicissima di aver deciso di partorire nel nostro ospedale! Non avrei potuto desiderare di meglio! E ci tengo a sottolineare che quello che mi ha più sorpresa a parte la competenza ovviamente è il lato umano di tutto il personale anche perché molti professionisti che lavorano in questo ambiente non sanno nemmeno cosa voglia dire empatia. Invece nel reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di San Severo lo sanno! Detto questo spero davvero che questo ospedale non subisca un declassamento ma al contrario spero tanto possano arrivare miglioramenti ed innovazione anche perché una città con circa 60000 abitanti merita un ospedale di tutto rispetto.

E.F.

Altri articoli

Back to top button