ComunicatiPrima pagina

“Dalla loro parte”, è lo sportello di ascolto per le vittime di reato presso il Tribunale di Foggia.

 Il progetto che coinvolge il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati

“Dalla loro parte” è lo sportello d’ascolto per le vittime di reato presso il Tribunale di Foggia, partito il 20 aprile. A questo mira la nuova iniziativa del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Foggia, in partenariato con la Regione Puglia-Ufficio del Welfare e in attuazione di un progetto finalizzato a creare una rete di supporto a tutte le vittime di reato. Lo sportello di ascolto è nato presso il Tribunale di Foggia. Si tratta di un servizio socio-sociale molto rilevante, a cominciare dalla sede scelta per insediare lo sportello: “Da cittadina e da avvocato dico che è molto positiva già la collocazione, all’interno del tribunale – ha evidenziato la professionista sanseverese, Consiglia Sponsano – perché c’è sempre un certo timore a rivolgersi direttamente alle istituzioni. In tante vittime di violenza e reato ho riscontrato un certo blocco piscologico che si frappone tra la volontà di chiedere giustizia e quella di farla valere, magari per paura. Credo che ‘Dalla loro parte’ può essere utile e importante per avvicinare le vittime di reato, alle istituzioni e alla ricerca concreta della volontà di chiedere giustizia o servirsi dello sportello per le altre attività”. Le conclusioni di Sponsano: “Si tratta di un ulteriore passo avanti verso i bisogni sociali che il tribunale di Foggia ha reso operativi, considerando la già attivata Stanza dell’allattamento e lo sportello aperto mercoledì”. Il Consiglio dell’Ordine, presieduto dall’avvocato Gianluca Ursitti, ha reso noto che lo sportello, tenuto da avvocati esperti del Foro, sarà attivo tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 13.00, per fornire un servizio di consulenza gratuita alle vittime di reato. Il progetto “Dalla loro parte. Sportelli informativi e spazio di ascolto per le vittime di reato” è stato approvato dal Dipartimento per gli Affari di giustizia del Ministero della Giustizia ed è reso possibile grazie all’intesa tra: Regione Puglia; i sei Consigli degli Ordini degli Avvocati della Puglia (Bari, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto e Trani); Consiglio dell’Ordine degli Psicologi di Puglia; Comuni di Bari, Brindisi, Lecce, Taranto e Trani. “La finalità dello sportello è quella di indirizzare, il cittadino

presidente Gianluca Ursitti

che non ha la possibilità di autodeterminarsi verso un approccio informativo e gratuito quando non sa a chi rivolgersi quando subisce un reato. Ad esempio, una persona straniera, ha necessità di farsi capire e gli serve un traduttore – ha specificato Ursitti -. Un progetto partito dall’ufficio Welfare regionale e coordinato dalle colleghe Grazia Chionchio e Angela Masi. Si tratta di un servizio fornito da partner qualificati che avranno la responsabilità dell’attuazione delle misure del progetto, che prevede quattro azioni con impatto diretto sulle vittime di reato e due azioni trasversali: l’apertura di 6 sportelli informativi e di supporto alle vittime incardinati presso i Consigli degli Ordini degli Avvocati e possibilmente coincidenti con gli sportelli per il cittadino; l’attivazione di uno spazio di ascolto telefonico a livello regionale per il supporto psicologico e l’orientamento delle vittime di reato; interventi diretti per la protezione delle vittime; servizio di traduzione e interpretariato. Le azioni trasversali – ha continuato il presidente Ursitti – si sostanziano in attività di comunicazione per far conoscere alle vittime la presenza del servizio e attività formativa destinata agli addetti ai lavori (avvocati, forze di polizia, servizi sociali, etc.) per innalzare il livello di conoscenza sulla direttiva 2012/29/UE. Per vittima s’intende una persona che ha subito un danno, fisico, mentale, emotivo o perdite economiche che sono state causate direttamente da un reato; un familiare di una persona la cui morte è stata causata direttamente da un reato e che ha subito un danno in conseguenza della morte di tale persona”.

Altri articoli

Back to top button