CulturaIn evidenza

A TELEFONO CON I DUE MAESTRI

di MICHELE MONACO

PRONTO, PARLO CON I DUE MAESTRI?

Siamo noi, siamo SANTORI e del RE, lei chi è?

SONO UN MUSICISTA DELL’ORCHESTRA DI FIATI DI SAN SEVERO, POTREI SAPERE DA DOVE DERIVA IL VOSTRO SUCCESSO CON LA “BANDA BIANCA” e BANDA ROSSA”?

Le bande musicali hanno avuto, a cavallo tra il XIX e il XX secolo, un’influenza decisiva nell’ampliamento della fruizione della musica da parte di fasce di popolazione che ne erano prima escluse. San Severo, dalla seconda metà dell’800, è stata all’avanguardia nel comprendere la centralità delle bande musicali nelle piazze come divulgatrici di grandi capolavori lirici fino ad allora riservati ad un pubblico d’élite.

INTERESSANTE, PREGO…CONTINUATE

Le nostre bande musicali fecero conoscere l’opera lirica alla gente che non andava a teatro. Sembrava un miracolo per la popolazione sanseverese di allora (dove l’80% delle persone sapeva “fare” a stento la propria firma) godersi le note di Rigoletto, Traviata, Trovatore, Aida, ecc., fino a memorizzarne i passaggi più salienti. C’era un analfabetismo di massa ma la musica diventò un fenomeno comprensibile di massa. Oltre la musica, ciò che colpiva la popolazione erano anche le vistose e sgargianti divise dei nostri musicisti.

MA CHI INGAGGIAVA I MUSICISTI, CHI LI PAGAVA?

Come è noto, a San Severo nacquero due formazioni musicali denominate “BANDA BIANCA” e BANDA ROSSA”, le quali diedero vita ad un sano antagonismo stracittadino come se fossero due moderne squadre di calcio di serie A con Musicisti e Maestri prestigiosi ingaggiati da due ricche famiglie come i MASSELLI e i FRACCACRETA. Per la precisione la BANDA ROSSA venne diretta soprattutto dal Maestro SORRENTINO.  Fu un lungo derby di alto livello, durato circa 40 anni, giocato su platee nazionali ed internazionali, a colpi di grandi riconoscimenti. In quella grande stagione affondano le radici musicali che sono nel DNA dei Sanseveresi.

CI POTETE CITARE I PREMI PIU’ PRESTIGIOSI CHE AVETE RICEVUTO?

La BANDA BIANCA nel 1906 si aggiudicò alla Fiera Campionaria di Milano il 1° premio di un memorabile concorso internazionale. La BANDA ROSSA a Genova nel 1892 risultò la prima banda d’Italia nel corso dei festeggiamenti in ricordo di Cristoforo Colombo, ovvero le ‘Colombiadi’.

MAESTRI, COSA PENSATE DELL’ATTUALE NOSTRA “ORCHESTRA DI FIATI”?

Ci siamo informati e diciamo che siete una formazione di oltre 40 elementi, giovanissimi e meno giovani, che favorite l’aggregazione sociale e culturale e promuovete meritoriamente relazioni tra diverse generazioni.

VI SIAMO GRATI PER QUESTE VOSTRE PAROLE! DOVE POSSIAMO APPROFONDIRE LA STORIA DELLE VOSTRE BANDE?

Per un approfondimento ci permettiamo di segnalare – soprattutto alle giovani generazioni –  il libro di ANTONIO MASSELLI intitolato “La Banda Bianca e la Banda Rossa di San Severo nelle Puglie” ed un altro libro – i cui autori sono RAFFAELE PETRERA e DESIO CRISTALLI (Direttore storico della ‘Gazzetta di San Severo’) intitolato “La Banda Bianca e la Banda Rossa”. Arrivederci e …BUONA MUSICA A TUTTI I SANSEVERESI!

Altri articoli

Back to top button