ComunicatiPrima pagina

Ad Apricena fa tappa la “Petizione NO GREENPASS “

Petizione  NO GREENPASS  IN PROVINCIA DI FOGGIA, VENERDI 17 SETTEMBRE – APRICENA – Piazza della Repubblica ore 18:30 – 20:30

Superate le prime 1000 sottoscrizioni contro il ‘lasciapassare verde’, raccolte in provincia di Foggia, durante i primi banchetti di piazza, nel mese di Agosto, nonostante il caldo e le città ancora svuotate per via delle vacanze estive.

Il primo dato utile dai primi banchetti tenutisi tra Foggia, Torremaggiore e San Severo, che emerge in maniera chiara e sorprendente, (ma nemmeno più di tanto), è quello per cui  possiamo certamente affermare che ad accorrere ai banchetti per firmare la petizione sono tanto i vaccinati, quanto i non-vaccinati.

Proprio perché bisogna tener presente, infatti, e in tanti lo hanno compreso perfettamente, che il provvedimento preteso ed ottenuto dal Governo Draghi in maniera estremamente liberticida ed autoritaria, avendo di fatto esautorato il Parlamento delle proprie prerogative,  non è utile  ad  arginare in nessun modo la possibilità di trasmissione del contagio del virus (e delle sue varianti) tra vaccinati e non, dato per scontato che tutte le istituzioni maggiormente autorevoli a livello mondiale, a partire dall’Oms, ai virologi più autorevoli, alle Case stesse Farmaceutiche, fino ad arrivare ad Ema ed Aifa, sono tutti d’accordo  sotto questo punto di vista, con l’affermare che ai fini del contagio, non esistono distinzioni tra vaccinati e non vaccinati.

Entrambi possono contrarre il virus, eventualmente ammalarsi, e contagiare a loro volta altri soggetti.

Pertanto possiamo affermare con certezza  ormai che il GreenPassnon ha alcun effetto utile dal punto di vista sanitario e della prevenzione dal contagio, tuttavia ha il solo effetto di generare  discriminazioni generando cittadinidi serie “A” ed altri di categoria ‘inferiore’, con il solo effetto di alimentare  un clima di repressione dei diritti Costituzionali, odio sociale reciproco e di instabilità, inogni settore ed ambito sociale, economico e lavorativo.

Inoltre, con la stessa petizione, nel frattempo chiediamo al Governo stesso di approvare definitivamente e pertanto rendere fruibili e soprattutto gratuiti per la popolazione tutta, ad esempio quei test salivari e nasali meno invasivi, certamente più  sicuri ed affidabili rispetto ai sieri genici sperimentali ai fini  dell’individuazione del virus e quindi anche per la prevenzione dai contagi.

Chiediamo anche il ripristino delle cure domiciliari che devono essere garantite per tutti e subito, se vogliamo davvero mettere in campo le armi più idonee per combattere in maniera puntuale  questo virus e tutelare davvero la salute pubblica di tutto il Paese. Cure che, contrariamente a quanto avviene nel resto dell’area UE,  sono state irragionevolmente bandite attraverso il protocollo-suicida posto in essere dal Ministero della Salute, che in caso di sintomatologia prevede esclusivamente ‘Tachipirina e vigile attesa’, che equivale in tantissimi casi ad intasare le terapie intensive già sotto pressione, e a complicare colpevolmente ed irrimediabilmente  il quadro clinico dei soggetti colpiti dal virus e che intanto già avranno contratto anche la malattia.

Restiamo convinti che la sottoscrizione della petizione contro un provvedimento  discriminatorio che proprio ieri al Senato ha ottenuto il via libera definitivo per divenire legge dello Stato, illegittimo, illiberale e liberticida, contro i regolamenti internazionali ed anti-Costituzionale qual è appunto il GreenPass,  sia un atto di responsabilità e una presa di coscienza netta, da parte di tutti quei cittadini che realmente vogliono farsi partecipi di una soluzione concreta e non divisiva, che possa portarci sulla strada ottimale per combattere nella maniera più idonea questa Pandemia, e allo stesso tempo per creare le condizioni sanitarie, economiche e sociali ideali per ripartire insieme con lo spirito giusto, quello della condivisione democratica e non delle imposizioni autoritarie di Stato, quando appunto addirittura  illegittime ed illiberali.

Invitiamo nuovamente tutti i cittadini a partecipare alla campagna di sottoscrizione della petizione che proseguirà anche per i mesi di settembre ed ottobre 2021.

Il calendario delle prossime tappe verrà puntualmente aggiornato e verrà reso disponibile per tutti, settimanalmente, e a tal proposito ci preme ringraziare  per la preziosa collaborazione i media locali che puntualmente e democraticamente ci danno voce e spazio attraverso le loro testate giornalistiche,  per il loro ottimo lavoro che svolgono puntualmente in maniera impeccabile.

Prossima tappa:

  • Venerdi 17 Settembre ore 18:30 – 22: 30 Bar CREMA & CIOCCOLATO, Piazza Della Repubblica Apricena (FG)
  • Giovedi 30 Settembre ore 18:30 – 22: 30 Bar CREMA & CIOCCOLATO, Piazza Della Repubblica Apricena (FG)

Nei giorni feriali potrete trovare i moduli da firmare presso:

  • Bar CREMA & CIOCCOLATO, Piazza Della Repubblica Apricena FG
  • TABACCHI PORTA FOGGIA, Via Soccorso, 275, 71016 San Severo FG
  • Bar QUALCOSA DI TE Via Tiberio Solis, 200, 71016 San Severo FG
  • Bar NEW PASTEUS Via Santa Croce, 13, 71013 San Giovanni Rotondo FG

RUBINO20x20_postpubblicitario-02

Altri articoli

Back to top button