Comunicati

AGORA’: Si dimette il vice presidente Alessandro Carafa ma l’associazione continuerà le sue battaglie

ULTIME DAL MERCATO, a cura di Claudio Cozzoli* I venditori e la dirigenza dell’associazione Agorà hanno accolto l’importante notizia pubblicata dalla Gazzetta del Mezzogiorno, pagine locali, delle dimissioni dell’amico Alessandro Carafa dalla carica di vicepresidente dell’associazione, come un qualcosa che era nell’aria, dato che era stata preannunciata già sui social network, e ne prendono quindi atto.

Gli ultimi avvenimenti che hanno riguardato “l’esperimento” di decentrare il mercato di piazza Allegato per un giorno a settimana, evidentemente non sono stati accolti dalla stragrande maggioranza dei venditori come l’amico Alessandro auspicava e aveva fatto credere possibile a cittadini, lettori e amministratori comunali.

(N.d.S. Solo cinque ambulanti hanno risposto SI all’esperimento, a fronte dei quasi cinquanta operatori presenti nel mercato) Ma ciò non toglie che l’opera di Alessandro Carafa, in anni passati, sia stata preziosa e apprezzata, sia da tutti i venditori del mercato, sia dalle amministrazioni comunali passate e presenti, che lo ringraziano per l’impegno sindacale profuso a favore della categoria, che spesso conduceva lontano dai riflettori mediatici e dall’opinione pubblica, ma sempre disponibile al dialogo con tutti gli amministratori.

L’associazione, che sarà “orfana” di un vice presidente per pochissimo tempo, fa sapere che nominerà  quanto prima quello che dovrà essere un degno erede del carisma e della personalità del Carafa.

Un “buon viso a cattivo gioco”, sarà il motto che accompagnerà il dialogo fra Agorà e A.C., se quest’ultima lo vorrà, oppure scegliere la strada che farebbe della convocazione permanente in assemblea di tutti gli operatori del mercato, il leit motiv delle prossime scelte politiche in tema di commercio su area pubblica.

Pertanto, sulla scorta degli ultimi avvenimenti succedutisi, i venditori ambulanti, con o senza Agorà, si riservano tutte le azioni necessarie a completare nell’A.C. il concetto che il centro città debba avere necessariamente il mercato del centro storico.

Ma alla fine, ovviamente, l’A.C. potrà anche non tener conto dei continui suggerimenti per un miglior funzionamento del mercato e del commercio in genere che Agorà ha proposto in questi ultimi tre anni di consiliatura.

Spiegare alla città le motivazioni di un eventuale diverso indirizzo sul mercato in piazza Allegato, sarebbe, a quel punto, piena facoltà ma anche dovere di questa amministrazione.

Dalla sede 25 ottobre 2016

*presidente dell’associazione Agorà-San

Il Presidente Agorà

Claudio Cozzoli

Nella foto, da sinistra, Alessandro Carafa, il sindaco Francesco Miglio (al centro) e Claudio Cozzoli

Altri articoli

Back to top button