ComunicatiIn evidenza

Anche a San Severo il flash mob della campagna nazionale di Rifondazione Comunista in favore delle fasce più deboli della popolazione

Il partito della Rifondazione Comunista anche in città ha manifestato con un flash mob nell’ambito della campagna nazionale “Per il reddito alle persone, la sanità e l’istruzione pubbliche”. Un’occasione per sensibilizzare i cittadini sulla necessità di investire più risorse per garantire un reddito a tutti, investire nel rilancio della sanità e scuole pubbliche e nella creazione di posti di lavoro nella necessaria riconversione ambientale dell’economia.

“Di fronte all’emergenza sanitaria e alla più grave crisi economica dopo la seconda guerra mondiale – spiega il referente cittadino Gianni Florio – il governo stanzia risorse insufficienti, in grave ritardo, per le milioni di persone rimaste senza reddito, e senza un progetto per il futuro economico e sociale del paese che non sia una rinnovata sudditanza al mercato e ai profitti.
Riteniamo insufficienti le misure annunciate dalla Commissione Europea e sbagliata la decisione del governo di sostenere grandi imprese che hanno spostato sede legale all’estero per non pagare tasse in Italia”. Il partito della Rifondazione Comunista si è impegnato a livello nazionale per chiedere di tassare le grandi ricchezze, rendere il fisco equo e colpire davvero l’evasione fiscale e battersi in Europa perchè la Bce emetta direttamente, come stanno facendo le banche centrali di tutto il mondo, le grandi risorse indispensabili perché tutti i paesi europei superino la crisi senza le gravi conseguenze economiche, sociali e occupazionali già subite dopo quella del 2008. “In quest’ottica San Severo – continua Gianni Florio – con i suoi iscritti e simpatizzanti non ha voluto rinunciare a fare sentire la sua presenza a favore delle fasce più deboli della popolazione”.

Altri articoli

Back to top button