Comunicati

ANTONIO BUBBA:“MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE LAVORANO BENE …MA LA GENTE È INSODDISFATTA”

L’OPINIONE…COMUNE di DESIO CRISTALLI

 ABBIAMO CHIESTO AD ANTONIO GIUSEPPE BUBBA (nella foto), CONSIGLIERE COMUNALE IN CARICA ELETTO NELLA LISTA CIVICA “S. SEVERO DEMOCRATICA” (APPARTENENTE ALLA COALIZIONE DI MAGGIORANZA), DI RISPONDERE, PER UN’INTERVISTA FLASH, A UN’UNICA DOMANDA PER UNA ‘FULMINANTE’ OPINIONE SULL’ATTUALE MOMENTO POLITICO-AMMINISTRATIVO DELLA CITTÀ, GIUDICANDO MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE. ECCO COSA CI HA RISPOSTO:

Caro Direttore, Ti ringrazio per l’opportunità che mi dai di poter esprimere un’opinione sull’ amministrativo locale. Diciamo subito che tutti i Consiglieri che formano l’attuale Consiglio Comunale, sia di maggioranza che di opposizione, non difettano per ONESTÀ. Questo lo dico non per denigrare le precedenti amministrazioni ma solo per evidenziare che l’attuale gestione amministrativa NON È CONDIZIONATA DA FENOMENI DI ILLEGALITÀ. In quest’anno e mezzo di amministrazione non ci sono stati fenomeni di assunzioni clientelari, né abusi da parte dei Consiglieri nell’utilizzare la propria carica istituzionale per favorire parenti o amici sia in ambiti lavorativi che in altri ambiti. Occorre ricordare l’ultima proposta avanzata dalla maggioranza di scegliere gli scrutatori per sorteggio e tra gli iscritti all’albo tra persone disoccupate e disagiate. Quindi, ribadisco che non ci sono forme di FAVORITISMI. L’amministrazione ha goduto, sin dall’inizio della consiliatura, di una vasta maggioranza, formata da 15 consiglieri della coalizione di “SAN SEVERO BENE COMUNE” più i due del PD raggiungendo 17 consiglieri su 24. Solo negli ultimi mesi sono passati all’opposizione, con le dimissioni dell’Assessore ANTONIO CICERALE, i due consiglieri che fanno riferimento alla formazione politica “La Svolta per San Severo“. Anche l’opposizione ha contribuito, in questa prima fase di consiliatura, a non alimentare il dibattito su inutili polemiche, e la loro opposizione è stata sempre rispettosa delle regole istituzionali. La loro divisione la vedo più nella capacità di entrare nel merito delle questioni in cui c’è una parte che discute e affronta le questioni nella sostanza e l’altra che si oppone quasi sempre per scelta politica. Nonostante queste premesse, i sanseveresi che avevano riposto la loro fiducia nell’attuale maggioranza non vedono soddisfatte appieno le loro aspettative. Il problema non riguarda certo né il programma né la mancanza di progettualità di questa maggioranza, come sostenuto da qualche personalità in precedenti dichiarazioni. Le aspettative dei cittadini di vedere delle strade meno dissestate e più pulite, il verde pubblico curato adeguatamente, una raccolta differenziata che superi il 65%, la sicurezza sul territorio, la manutenzione nelle scuole, e si potrebbe continuare…, rappresentano di per sé già un programma e una possibile progettualità. Allora bisogna entrare nel merito. L’attuale maggioranza è sostenuta da formazioni politiche organizzate in liste civiche, nelle quali è forte la personalizzazione e la conduzione delle scelte. Inoltre il loro ambito politico è circoscritto a livello locale, non ci sono riferimenti politici provinciali, regionali e nazionali. L’unico riferimento è rappresentato dal Presidente della Regione Puglia MICHELE EMILIANO. Ma anche questo riferimento è più caratterizzato da rapporti personali che strutturato in rapporti tra organizzazioni politiche. Mancano una discussione politica e un’autonomia politica che caratterizzavano i partiti tradizionali, oltre ad un radicamento territoriale. Di fronte a maggiori esigenze da parte dei cittadini (aumento dei disoccupati e disagi sociali crescenti) e con entrate nel bilancio comunale sempre più esigue, occorre che la maggioranza governi con la massima oculatezza e condivisione. Occorre sgombrare il campo da ogni forma di personalizzazione e cercare nella collegialità e con il contributo dei cittadini la forza per affrontare e superarele problematiche che tanto affliggono il nostro territorio. I cittadini sapranno affrontare i sacrifici e superare le difficoltà se si saprà spiegare loro le scelte e se esse andranno nella prospettiva di migliorare e rendere più vivibile la nostra bella città.

Altri articoli

Back to top button