ComunicatiIn evidenza

AvanziAMO Gente, il progetto che unisce le Associazioni di San Severo contro lo spreco alimentare

Quello dello spreco alimentare è un problema che continua a diffondersi in molte famiglie; complice a volte la mancata oculatezza negli acquisti. Una buona soluzione, ad esempio, potrebbe essere quella di

riuscire ad organizzare meglio il cibo in frigo ed in dispensa in base alle date di scadenza, ma anche tante altre accortezze di pianificazione per una strategia vincente contro lo spreco.
Nella città di San Severo sono state presentate, venerdì 18 marzo, con inizio alle ore 18,30, presso la Sala Conferenze dell’Emporio della solidarietà “Don Felice Canelli”, in via Soccorso, 46, le attività di AvanziAMO Gente.

“Si tratta di un progetto di contrasto allo spreco alimentare che vede il Comune di San Severo capofila di un raggruppamento di Associazioni, quale beneficiario di un finanziamento regionale. Il progetto prevede la realizzazione di una piattaforma per incrociare ‘domanda e offerta’ ed intervenire sullo spreco di cibo, farmaci ed altro. A tale scopo sono state organizzate iniziative di promozione ed eventi per stimolare una cultura del riciclo e del riuso”, dichiara Antonio STORNELLI, Consigliere Comunale.

Dopo i saluti istituzionali del Sindaco Francesco MIGLIO, la parola è passata a don Andrea PUPILLA, Direttore della Caritas di San Severo.
Sono intervenuti: Simona VENDITTI, Assessore alle Politiche Sociali, Presidente ambito territoriale Alto Tavoliere – Piano sociale di zona; Antonio STORNELLI, Consigliere Comunale e Presidente Prima Commissione Consiliare, Paki ATTANASIO, Presidente GAL Daunia Rurale,l e Angela Pantaleo  della  “Strada dei Sapori”.
L’evento è stato moderato dalla progettista Lilli ANTONACCI.

L’evento, dal titolo “CONTRASTANDO LO SPRECO ALIMENTARE”, è stato organizzato dal Comune di San Severo, Piano Sociale di Zona, in collaborazione con la Caritas Diocesana; la Società Cooperativa “Attivamente Km 0”; la Croce Rossa Italiana (Comitato di San Severo e Torremaggiore); l’Associazione “La strada dei sapori” e la Cooperativa Sociale “Agape”.

Altri articoli

Back to top button