ComunicatiIn evidenza

BENEDETTE LE MARMETTE DEI FRATELLI VILLANI AL TEMPIO DELL’INTERNATO IGNOTO – PADOVA

Domenica 3 ottobre, al Tempio dell’Internato Ignoto – Padova – si è svolta l’annuale cerimonia in Onore degli IMI – Internati Militari Italiani che, dopo l’8 Settembre 1943, furono deportati nei lager nazisti e condannati al lavoro coatto per l’economia tedesca. Avrebbero potuto salvarsi optando per la collaborazione con la Germania nazista ma, piuttosto che tradire la Patria, scelsero una prigionia fatta di fame, freddo, stenti e malattie, attuando una Resistenza senz’armi e battendosi per i valori di democrazia e di libertà su cui oggi si basa la Repubblica italiana. Dei 650.000 deportati, oltre 60.000 non fecero ritorno.
Nel corso della cerimonia, alla presenza delle autorità civili, militari e religiose, dopo la deposizione della corona di alloro sulla tomba dell’Internato Ignoto, sono state benedette le marmette dedicate agli IMI. Numerosi i familiari presenti, giunti da tutta Italia per onorare la Memoria dei propri cari. I nomi degli Eroi della Resistenza, pronunciati solennemente, riecheggiavano nel piazzale mentre i rispettivi parenti si alzavano in piedi come per rispondere ad un appello e testimoniare, con la propria presenza, il tributo alla Patria e il dolore della propria famiglia.
Tra le marmette benedette che saranno affisse nel Tempio, considerato il secondo Altare della Patria, c’erano anche quelle dei sanseveresi, fratelli Vincenzo e Paolo Villani. Alla cerimonia erano presenti gli anziani fratelli Michele e Luigia, unici ancora viventi, arrivati rispettivamente da San Severo e da Torino e accompagnati da una rappresentanza delle proprie famiglie.
Le marmette collocate nel Tempio, accanto a quelle di altri valorosi, resteranno per sempre a testimoniare il coraggio, l’estremo sacrificio e l’imperitura gloria dei nostri due concittadini.

Marina Villani

RUBINO20x20_postpubblicitario-02

Altri articoli

Back to top button