ComunicatiIn evidenzaPrima pagina

BIMBO SOFFOCATO DA UNA CARAMELLA: ASSOLTO IL MEDICO DEL 118. L’AVV. ROBERTO DE ROSSI: “SIAMO SODDISFATTI”.

Foggia, 26.11.18

 

E’ stato assolto in data odierna perché il fatto non sussiste (ai sensi dell’art. 530, comma 2, c.p.p.) dall’accusa di omicidio colposo il medico Giuseppe Lorusso, giudicato con il rito abbreviato dinanzi al GUP presso il Tribunale di Foggia, dott. Armando Dello Iacovo.

La Procura della Repubblica di Foggia contestava all’odierno imputato, noto medico foggiano, il reato di cui all’art. 589, comma 1, c.p., poichè, “dopo la corretta esecuzione delle necessarie manovre di disostruzione delle vie aeree e di rianimazione polmonare”, avrebbe omesso di eseguire l’intervento di tracheotomia sul minore, che veniva invece trasportato al Pronto Soccorso di Lucera e, per effetto della suindicata condotta colposa, avrebbe cagionato la morte del piccolo Aurelio Davide, che decedeva per arresto cardio-respiratorio secondario.

Il processo riguarda la nota tragedia avvenuta il 7 marzo 2015 a Lucera, quando il piccolo Aurelio Davide di soli 8 anni, morì soffocato da una caramella rimasta incastrata nelle vie respiratorie. Inutile furono i tentativi, prima della madre e poi dei sanitari del 118, tra cui il dott. Lorusso, di rianimare il piccolo Davide, che morì poco dopo al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Lucera.

Le persone offese, i sigg. Aurelio Luigi e Cutone Lucia, genitori del bambino deceduto, il piccolo Aurelio Davide, si sono costituiti parti civili nel processo penale, assistiti dall’avv. Vincenzo Maizzi, concludendo per la richiesta di condanna del medico del 118 e chiedendo un ingente risarcimento di ben € 1.000.000,00.

Il Pubblico Ministero, invece, nella persona del dott. BAFUNDI, all’esito del rito abbreviato ha depositato una memoria difensiva, chiedendo l’assoluzione dell’imputato.

I legali del dott. Lorusso, gli avvocati Roberto de Rossi e Rosa Imperiale, hanno optato per il rito abbreviato, dimostrando l’assoluta estraneità del loro assistito ai fatti contestati.

L’impianto accusatorio, infatti, scardinato dall’avv. Roberto de Rossi e dall’avv. Imperiale nelle lunghe arringhe difensive, non ha convinto nemmeno il GUP, che ha assolto il medico del 118. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 90 giorni.

L’avv. Roberto de Rossi ha espresso soddisfazione per l’esito assolutorio del suo assistito: “Siamo molto soddisfatti – ha detto il penalista foggiano – dell’assoluzione del nostro assistito. Sono sempre stato convinto della estraneità del dott. Lorusso all’ipotesi di reato contestatagli, posto che ha eseguito, all’atto dell’intervento, tutte le manovre rianimatorie richieste dalle linee guida e dai protocolli vigenti in materia. Come ho ribadito in diversi passaggi della mia discussione, l’eventuale esecuzione della tracheotomia non avrebbe comunque potuto ripristinare la ventilazione nel bambino. L’incompletezza dell’atto operatorio, pertanto, non ha in alcun modo determinato o accelerato il decesso del minore”.

Sulla stessa linea si pone anche l’altro legale del medico, l’avv. Rosa Imperiale: “Questa vicenda doveva chiudersi già in fase di indagini. Una sentenza che restituisce dignità e serenità al nostro assistito”.

Foggia, 26 novembre 2018

Altri articoli

Back to top button