CronacaIn evidenza

Gargano “Caccia” alla pantera: avvistamenti, in arrivo altri specialisti (trappole farcite e ‘Predator’)

Nessun nuovo avvistamento ritenuto ‘attendibile’, ma tante segnalazioni di agricoltori che riferirebbero di aver avvistato il felino in varie zone, da Apricena a San Nicandro Garganico. La preoccupazione maggiore, al momento, è che la pantera possa inoltrarsi verso zone impervie del Gargano.

La ‘caccia’ alla pantera si sposta verso il Gargano, dove le ultime tracce riscontrate del felino (orme sul terreno e riprese amatoriali) stanno conducendo gli uomini e i veterinari che, da giorni ormai, sono impegnati nelle attività di ricerca e cattura.

Nessun nuovo avvistamento ritenuto ‘attendibile’ dalle forze in campo, ma sono tante le segnalazioni di agricoltori che riferirebbero di aver avvistato la pantera in varie zone, da Apricena a San Nicandro Garganico sulla strada provinciale per San Marco in Lamis.

Mentre c’è chi sostiene ancora che possa trattarsi di un grosso cane corso, questa mattina arriverà, in supporto del servizio veterinario dell’Asl, anche una squadra di specialisti da Teramo.

Intanto le ricerche proseguono con le medesime tecniche: continueranno le attività di ricognizione aerea con droni dotati di termocamera, in volo anche un ‘Predator‘ dalla base di Amendola. In zone strategiche, continueranno ad essere piazzate trappole ‘farcite’ di carne, nella speranza di catturare il felino, sempre più affamato.

La preoccupazione maggiore, al momento, è che la pantera possa inoltrarsi verso zone impervie del Gargano, rendendo ancora più difficoltose le ricerche.

 

 

 

 

 

 

fonte foggiatoday

Altri articoli

Back to top button