CronacaIn evidenza

Candidato alle comunali di Foggia poi escluso perchè impresentabile, avrebbe chiesto denaro ad un imprenditore del sub-appennino dauno

Alle prime ore del mattino i finanzieri del Comando Provinciale di Foggia hanno dato esecuzione al provvedimento del Giudice per le indagini preliminari che dispone misure cautelari personali a carico di 2 indagati per tentata estorsione aggravata.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Foggia, si fondano su un quadro indiziario ricostruito dai finanzieri della Tenenza di Lucera al termine di una minuziosa attività di polizia giudiziaria.

I due destinatari del provvedimento custodiale, uno dei quali candidato alla carica di consigliere comunale alle elezioni comunali di Foggia del 2023, avrebbero avvicinato un noto imprenditore del sub-appennino dauno chiedendo di versare la somma di 20.000 euro quale contributo per la campagna elettorale, prospettando benefici per l’impresa.

Al diniego di versare la somma richiesta sarebbero conseguite esplicite minacce, anche di morte nei confronti dell’imprenditore e dei suoi familiari da parte dell’esponente politico, nel frattempo escluso dalla tornata elettorale perché dichiarato incandidabile, e di altro soggetto.

Indipendentemente dalla concludenza del quadro indiziario che ha portato all’emissione del provvedimento cautelare, la posizione degli indagati è al vaglio dell’Autorità Giudiziaria e non possono essere considerati colpevoli sino ad eventuale pronunzia di una sentenza di condanna definitiva.

Altri articoli

Pulsante per tornare all'inizio