Comunicati

CCR DI VIA CARLI: MIGLIO DEFINISCE “KAMIKAZE” I COMPONENTI DEL COMITATO DI QUARTIERE

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO L’ACCORATA LETTERA DI LAURA FORTUNATO, PRESIDENTE DEL COMITATO CONTRO IL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI VIA GENTILE-CARLI:
“Lo scorso 23 giugno 2016 il Comitato del Quartiere via Gentile-Carli è stato ricevuto dal Prefetto di Foggia, dr.ssa MARIA TIRONE, assieme al Sindaco FRANCESCO MIGLIO, al dirigente ing. GIOVANNI NAPOLITANO e al funzionario comunale arch. ANTONIO D’ALESSANDRO, per discutere sui lavori del deposito rifiuti di via M. Carli. Terminato l’incontro con il Prefetto, mentre si aspettava per firmare, il Sindaco ha cominciato ad inveire contro le rappresentanti del Comitato di Quartiere chiamandole “KAMIKAZE” del finanziamento. Non si può accettare che un Sindaco, nelle sue vesti istituzionali, si permetta di offendere i suoi stessi cittadini. A tale proposito si invita il Sindaco, prima di usare questo termine, ad informarsi sul suo significato. L’obiettivo del kamikaze è la soppressione della sua vita e quella degli altri. Noi del Comitato non vogliamo sopprimere nessuno, anzi al contrario, lottiamo per la salute dei nostri concittadini. IL COMITATO, COMUNQUE, NON SI LASCERÀ INTIMIDIRE DALLE OFFESE, ANDRÀ AVANTI NELLA SUA BATTAGLIA CONTRO IL CENTRO DI RIFIUTI CHE È STATO PROGETTATO – SENZA CRITERIO! – A SOLI QUATTRO METRI DALLE CASE DI VIA CARLI.
LAURA FORTUNATO

LA RISPOSTA DELLA ‘GAZZETTA’
Fin qui la lettera della Presidente del Comitato di quel quartiere che, da alcune settimane, ha perso la pace… Abbiamo spesso l’impressione che molti amministratori quando salgono sul Palazzo dei Celestini dimenticano le regole della DEMOCRAZIA e si comportano in modo contrario ai principi che hanno enunciato quando non governavano. Questa Amministrazione Comunale, infatti, quando era opposizione correva in soccorso, a volte anche quando non era il caso…, di TUTTI I CITTADINI CHE VENIVANO OPPRESSI E/O NON RISPETTATI COME TALI DA CHI GOVERNAVA LA CITTA’. E la stessa cosa è avvenuta a tantissimi amministratori del passato. Ed ecco perchè, soprattutto, la gente non va più a votare e continua a dire che SONO TUTTI UGUALI (che può essere sbagliato ma che va abbondantemente giustificato). Bisogna cominciare a interpellare la gente per le cose che riguardano la vita collettiva, i fatti IMPORTANTI della nostra terra, le decisioni epocali e che non possono essere lasciati a decisioni oligarchiche (cioè di pochi…PUR SE ELETTI DAL POPOLO). Alla gentile Signora LAURA FORTUNATO assicuriamo che quel che fa nell’interesse del suo quartiere è un diritto ed anche un dovere in difesa della salute di tante famiglie, compresa la sua. Nessuno può discutere diritti e doveri altrui, neppure il Sindaco, anzi neppure il Presidente della Repubblica! Continui così e, con i suoi colleghi componenti del Comitato, sappia che la nostra GAZZETTA sarà sempre al loro fianco, senza timori riverenziali nei confronti di CHIUNQUE!
LA REDAZIONE

Altri articoli

Back to top button