Comunicati

CENTRO ‘EINAUDI’: I PREMI NAZIONALI U. FRACCACRETA E A. MINUZIANODEL 2018

Il 9 novembre 2018 l’evento è diventato maggiorenne ed è stato inserito nella Programmazione della RETE dell’ITINERARIO Europeo “LE VIE DI CARLO V” dato che sia l’opera premiata e sia il MINUZIANO parlano di Rinascimento.Nell’autunno intenso ritorna un evento di fondamentale importanza per la promozione e lo sviluppo culturale di un’intera comunità in un contesto dove il sapere delle parole si combina con i sapori di un territorio ricco di storia, tradizioni e profumi: il Gargano. A San Marco in Lamis prosegue la collaborazione con il Liceo Classico “P.Giannone”, scuola partner del CENTRO EINAUDI per quanto riguarda il Progetto dell’Itinerario culturale europeo “Le vie di Carlo V”, riconosciuto dal Consiglio d’Europa. Il Premio è stato istituito dal Centro Einaudi nel 1997 (50° della morte del FRACCACRETA) per diffondere la conoscenza e tener viva la memoria di un poeta nato a San Severo nel 1892 e morto nel 1947, che ha avuto il merito di descrivere ed interpretare liricamente le condizioni sociali delle popolazioni dell’Italia meridionale. Il Premio si conferma appuntamento rilevante nella programmazione del Centro Einaudi, mira a focalizzare l’attenzione sulla Letteratura rinascimentale e quest’anno sceglie un grande del Rinascimento. E’ stata premiata l’opera “INTERVISTA A MACHIAVELLI-Tra cultura, filosofia e politica”, scritta da due professori dell’Università di Urbino: ANTONIO DE SIMONE, filosofo e saggista, professore di storia della filosofia e filosofia della cultura e DAVIDE D’ALESSANDRO specializzato negli studi sociologici e filosofici. Un lavoro che consta di tre parti. La prima è la vita, il conflitto, il potere e il rapporto attualissimo tra noi e il grande MACHIAVELLI. Per la seconda parte l’Autore D’ALESSANDRO ha scelto la felice ed inusuale forma dell’intervista in cui un giovane interroga il politico, ne esplora il pensiero e ne mette in luce l’attualità.Ma c’è anche una terza parte in cui MACHIAVELLI dà un messaggio ai giovani che è una chiara denuncia dei mali che affliggono la nostra società ma anche una lezione di ottimismo e di coraggio. In questo contesto non potevano mancare gli studenti che, con l’abile guida dei loro insegnanti, hanno messo in scena l’intervista e con ritmo incalzante hanno interrogato il grande MACHIAVELLI il cui pensiero, calato nel presente, oggi più che mai è illuminante, stimolante ed attuale. E’ stato letto il discorso ai giovani da cui emergono le esortazioni ad essere artefici della propria fortuna, al dovere della “memoria”, alla passione civile, a chiamare l’Italia forte e chiara ed a pretendere una Europa viva e dei popoli. Un richiamo alle virtù civiche e al coraggio…sempre nel segno della Cultura, della Conoscenza e della Libertà, temi cari al Centro Einaudi.I relatori-autori sono stati di altissimo profilo, pertanto la dotta Lectio del prof. DE SIMONE ed il vibrante intervento del prof. D’ALESSANDRO hanno dato al Premio il taglio di una vera paidea dell’insegnamento e una lezione di vita. E’ stato altresì conferito all’Editore MORLACCHI di Perugia il PREMIO in ricordo del grande ALESSANDRO MINUZIANO, umanista e stampatore nato a San Severo nel Rinascimento.L’Auditorium-Teatro “P.Giannone” era gremito da studenti, docenti, soci e amici del Centro ‘Einaudi’. Ai saluti del Dirigente scolastico dr. COSTANZO CASCAVILLA,portati dal prof. GIAN PASQUALE LA RICCIA, sono seguiti quelli dell’Assessore alla Cultura dr.ssa MERILIGIA NARDELLA. La Presidente del Centro prof.ssa ROSA NICOLETTA TOMASONE ha coordinato l’evento, con il supporto del prof. DOMENICO VASCIARELLI e dei Soci presenti.

Altri articoli

Back to top button