Comunicati

CERIGNOLA- POLIZIA DI STATO CINQUE ARRESTI PER RISSA AGGRAVATA E VIOLENZA E RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE

In applicazione del nuovo piano straordinario di controllo del territorio, ribattezzato 2.0, a firma del Questore di Foggia Mario Della Cioppa, volto alla ricalibrazione ed intensificazione della presenza della Polizia di Stato sul territorio della Provincia di Foggia, al fine di dare una risposta puntuale e precisa alla criminalità e alla delinquenza,  gli Agenti della Polizia di Stato del Reparto Prevenzione Crimine di Pescara , unitamente ad Agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Cerignola hanno arrestato:DILISIO Pasquale, cerignolano, classe 1996 ; DILEO Savino, cerignolano, classe 1996; RUSSO Nicola, cerignolano, classe 1982; LOSPINOSO Savino, cerignolano, classe 1995; BOLDOI Maricel, rumeno, classe 1974; resisi responsabili dei reati di rissa aggravata e violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale in concorso.

Alle ore 15.40 circa del 01 marzo u.s., la pattuglia Reparto Prevenzione Crimine nel transitare in via Aldo Moro ha notato la presenza di quattro persone di cui due armate di una grossa accetta ed una zappa all’inseguimento di altri due individui armati di grossi mattoni in cemento. Apparendo chiaro il reciproco intento offensivo, gli agenti hanno chiesto rinforzi tramite Centrale Operativa ; giunti i rinforzi in pochi secondi si è provveduto a bloccare  uno dei due inseguiti, il BOLDOI Maricelmentre il secondo è riuscito a dileguarsi. Nonostante la presenza degli Agenti il DILISIO, il DILEO, il RUSSO e LOSPINOSO inveivano con violenza sia contro il BOLDOI che contro gli operatori di polizia; i cinque sono stati bloccati , con non poca fatica, grazie all’intervento di ulteriori rinforzi da parte degli Agenti del locale Commissariato.

Dal sistema di videosorveglianza presente in zona si è evidenziato che alla  rissa iniziata alcuni minuti prima in via Scuola Agraria avevano partecipato in sei pertanto sono in atto le ricerche del sesto complice.

I cinqueuomini sono stati posti agli arresti domiciliari a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia.

Il deciso intervento della Polizia di Stato  ha impedito che la situazione potesse degenerare in un più grave reato. Gli Agenti,quotidianamente, con la loro elevata professionalità assicurano ai cittadini di tutta la Provincia una maggiore percezione di sicurezza.

Foggia 02 marzo 2018

Altri articoli

Back to top button