In evidenzaSport

Chicco Evani a Torremaggiore inaugura il Milan club ” Franco Baresi”.

Un progetto nato dalla passione per il Milan, del presidente Roberto

Il vice Ct della Nazionale di calcio, Chicco Evani a Torremaggiore

Un progetto nato dalla passione per il Milan, del presidente Roberto D’amore, tifoso da sempre dei rossoneri, che ha condiviso e realizzato grazie alla collaborazione dei vecchi amici. Tifosi e simpatizzanti rossoneri, amanti del calcio hanno dato vita a questa nuova avventura.
Per l’occasione, un ospite speciale, Chicco Evani, campione rosso-nero e vice commissario tecnico della Nazionale Italiana. Padrino d’eccezione, Evani interverrà, domani sera, giovedì 10 febbraio, all’inaugurazione della nuova sede del Milan Club “Franco Baresi” a Torremaggiore. Il difensore rossonero sarà accolto nella sede di corso Matteotti per vivere un momento di festa e presentare il suo libro ” Non chiamatemi Bubu”.

video
“Sono nato nel ’79, cresciuto con il mito del Milan di Sacchi in cui Chicco Evani è stato un assoluto protagonista.
Chicco non è stato solo un calciatore vincente, ma soprattutto è un uomo stimato da tutti in grado di trasmettere, dentro e fuori dal campo, quei valori che ogni uomo di sport dovrebbe avere : sacrificio, lealtà e spirito di squadra”- fa sapere presidente del Milan Club Torremaggiore, Roberto D’amore-.
C’è grande fermento per l’arrivo a Torremaggiore di Evani non solo da parte dei tifosi rossoneri ma anche di tutti gli appassionati di calcio che amano gli Azzurri.

“In qualità di Presidente del Milan club “Franco Baresi” Torremaggiore sento di ringraziare il coordinatore Regionale AIMC Puglia, Pino de Candia, al segretario Regionale AIMC, Severino Dell’Aglio, al resp. comunicazione Regionale AIMC Puglia, Giuseppe di Cera e all’instancabile segretario Milan club Torremaggiore Matteo Russo, unitamente ai soci che compongono il direttivo. Inoltre ringrazio colui che più di tutti sta sostenendo il gruppo nell’organizzazione dell’evento, il dott. Ivano Angeloro, presidente onorario”- le conclusioni di D’ Amore-.

Altri articoli

Back to top button