In evidenzaPoliticaPrima pagina

“Ciò che Miglio ha chiesto, ha ottenuto” Dino Marino ed il suo appoggio incondizionato

Intervista a Dino Marino a cura di Elisabetta Ciavarella

“COSA TI HA SPINTO NEL VOLERTI SCHIERARE A FIANCO DI MIGLIO E QUINDI DEL CENTROSINISTRA?”.

“Prima di tutto mi ha convinto il programma di Miglio che ha avuto una valida attuazione. E la sua persona che, bisogna ammetterlo, ha sempre operato per il bene di San Severo e mai per fini egoistici.Si è mosso attivamente a livello regionale ottenendo cospicui finanziamenti, come i 130 milioni di euro per la statale 16, ma ne ha ottenuti ancora molti altri per la manutenzione degli edifici scolastici, per la fogna bianca, la ristrutturazione dell’ex macello e per la rigenerazione urbana. Vogliamo parlare poi delReparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato? Non dimentichiamoci della presenza della quarta mafia… È inutile paventare un giudizio critico su un insediamento del genere,  fondamentale in un territorio che ha bisogno di essere monitorato! Miglio ha saputo fino in fondo quello che voleva chiedere ed il perché e lo ha ottenuto!“.

“DUNQUE IL CENTROSINISTRA TI SEMBRA L’UNICA SOLUZIONE. QUALI SONO INVECE LE CARENZE ATTUALI NEL CENTRODESTRA?”.

Nel centrosinistra ho ritrovato la realizzazione di molti valori, quali la solidarietà ed il senso di giustizia sociale. Nel centrodestra attualmente vedo solo diffondersi un clima di paura, anzi quasi terrore nei confronti di chi è straniero o diverso e tante spaccature… Non ritrovo un programma preciso e si sta litigando in modo smisurato su chi debba ricoprire quella POLTRONA!”.

“COSA PENSI DELLA CANDIDATURA DI MARIANNA BOCOLA NEL CENTRODESTRA E DELLE SUE DIMISSIONI?”.

Puntualizzo che la Bocola si è dimessa ‘nominativamente’, ma non ‘effettivamente’, nel senso che per non percepire il suo compenso doveva essere ‘sfiduciata’. Se verrà candidata, farà bene ad esporre un programma preciso e chiaro, altrimenti tutto questo non farà altro che aumentare una vera e propria spirale di ‘antipolitica’ che più che risolvere i problemi, li acuirà!“.

“CREDI CHE SI ARRIVERÀ ALLE PRIMARIE?” .

Andando di questo passo certo che sarà possibile! Ma la cosa più brutta ancora è che gli elettori, così confusi, potrebbero dirottare le loro preferenze con un ‘voto di protesta’ verso chi un solido programma… non c’è l’ha!”.

Altri articoli

Back to top button