ComunicatiIn evidenza

CONTAGI IN TUTTE LE SCUOLE! GIUSTA LA CHIUSURA IMPOSTA DALL’AUTORITÀ COMUNALE

di DESIO CRISTALLI

Alcuni giorni fa il Sindaco MIGLIO, dopo quel che aveva già ordinato il Governatore della Puglia EMILIANO, ha chiuso tutte le scuole della Città, quelle che ancora ospitavano i nostri ragazzi in presenza, basandosi su dati epidemiologici inconfutabili. Per fortuna, è il caso di dire, il Sindaco, massima autorità sanitaria locale, non ha ritenuto di dover rischiare ancora di più sulla pelle di dirigenti scolastici, docenti, studenti e personale non docente. I dati recenti della pandemia locale in nostro possesso, confermati dal nostro primo cittadino nella sua ultima diretta facebook “Miglio Sindaco” del pomeriggio dell’Immacolata, attestano incontestabilmente che TUTTE LE SCUOLE DI SAN SEVERO HANNO AVUTO UNO O POCHI O PARECCHI CASI DI COVID. Dunque se le scuole loc

ali fossero rimaste aperte quasi certamente ci saremmo trovati di fronte a qualche possibile carneficina. Ricordiamo che il provvedimento sindacale è valido fino al 22 dicembre prossimo, fino, in pratica, all’inizio delle

vacanze natalizie. I numeri complessivi sono da far accapponare la pelle: ad oggi, sono oltre 600 i dati dei contagi a San Severo, esclusi i malati ospedalizzati e…oltre ai tanti che ci sono sicuramente ma non possono essere contabilizzati perché curati in casa dai sanitari USCA e dai medici di famiglia. Insomma una situazione semicatastrofica che, diciamola tutta, sarebbe stata ultracatastrofica se le scuole cittadine fossero rimaste aperte, perché è dimostrato, qui come altrove, che possibili focolai non si sarebbero più potuti tenere sotto controllo.

Ovviamente la colpa non sarebbe stata soltanto della scuola in presenza – come è stato chiarito dai Governatori di tutte le Regioni d’Italia, EMILIANO tra i primi — ma anche dei tanti contatti al di fuori delle aule per andare e venire da casa, per gli incontri e magari gli assembramenti con parenti ed amici, per una non osservanza rigorosa dell’uso della mascherina e del distanziamento sociale. Alla luce di tutto ciò, come siamo abituati a fare nella nostra professione giornalistica nel rispetto che si deve alla realtà e dunque alla verità, diamo atto al Sindaco (e con lui all’Assessore alla Pubblica Istruzione e Cultura e all’intera Amministrazione Comunale che rappresentano) di aver agito in modo ineccepibile, come sicuramente avrebbe fatto chi scrive e chiunque altro si fosse trovato nella scomodissima condizione di dover scegliere a tutela della vita e della salute di tutti coloro che frequentano le nostra scuole e, perché no, di tutte le loro famiglie. I genitori dei nostri ragazzi, prima di protestare per le scuole temporaneamente chiuse, riflettano onestamente su quel che sarebbe potuto succedere ai loro figli!!!

Altri articoli

Back to top button