Comunicati

CONTRATTO DI SOLIDARIETÀ PER I LAVORATORI DELLA “LUCERA SERVICE”. POLISENO (TRASPORTI): “ABBIAMO MESSO D’ACCORDO TUTTE LE PARTI”. DE FEUDIS: “E’ L’ESEMPIO DI COME IL LAVORO SINERGICO PREMI”.

E’ soddisfatta la Segreteria Territoriale dell’UGL Foggia a conclusione del vertice di questa mattina in Prefettura per la questione dei 14 esuberi della “Lucera Service”, ditta che si occupa del servizio di trasporto urbano di alunni e disabili nella città federiciana.

Per loro e gli altri 10 colleghi partirà

 

il contratto di solidarietà che durerà fino all’inizio del nuovo anno scolastico quando tutti e 24 i lavoratori ritorneranno a lavorare a pieno regime.

“Il problema – ha dichiarato il segretario provinciale UGL Trasporti Carmine Poliseno – è sorto nel momento in cui il Comune di Lucera ha tagliato del 40% il monte chilometri. A quel punto la ditta è andata in affanno per i pagamenti degli stipendi e si è vista costretta ad avviare la procedura di licenziamento per 14 unità. Una situazione davvero delicata affrontata in diversi incontri durante i quali come organizzazione sindacale abbiamo cercato una soluzione che mettesse d’accordo le esigenze di tutti. E difatti proprio l’Amministrazione ha fatto un passo importante garantendo l’attuazione di nuovi servizi a partire dal prossimo anno scolastico in maniera tale da permettere all’azienda di impiegare tutte le unità lavorative in forza. I lavoratori sono soddisfatti della risoluzione e per noi è questo l’importante. Non avremmo mai potuto permettere che altre famiglie finissero in mezzo ad una strada”.

All’incontro di stamane hanno partecipato anche l’amministrazione lucerina  rappresentata dal sindaco Pasquale Dotoli e dall’Assessore ai Trasporti Andrea Bernardi, l’Amministratore Unico della “Lucera Service” Antonio Colatruglio ai quali va il plauso del Segretario UGL Gerardo De Feudis (anch’egli al tavolo con il segretario Poliseno).  “Il risultato di oggi – ha sottolineato De Feudis – è la conferma che il lavoro sinergico premia. Il caso della «Lucera Service» potrebbe diventare una buona pratica da replicare. Perché in fondo è interesse comune il benessere economico del territorio”.

Altri articoli

Back to top button