CulturaSport

COSTRUIRE LA SQUADRA di VANNI PELUSO CASSESE

RIFLESSIONI DI CULTURA SPORTIVA

Ho conosciuto allenatori che non hanno mai vinto nulla di importante nella loro carriera, se non qualche scialba partita contro colleghi altrettanto poco avvezzi a conseguire successi. Ho conosciuto allenatori che in più occasioni hanno sfiorato traguardi prestigiosi, senza tuttavia raggiungerli. Ho conosciuto anche allenatori in possesso di quel quid in grado di ergerli a protagonisti, frequentemente vincenti. E’ certo che la carriera dell’allenatore è impervia ed accentuatamente meritocratica. Di rado può contare su qualche generoso lampo di buona sorte. E poi… nessuno insegna ai giovani aspiranti allenatori come si fa… l’allenatore. Per carità tutti loro ben sanno di tecnica, di tattica, ma chi li ha edotti sugli aspetti motivazionali, sui metodi di formazione di una squadra, sui sistemi di gestione dei gruppi, sulle problematiche da affrontare e risolvere con i processi comunicativi? Allenare non è solo insegnare di tecnica e di tattica, ma è anche questione di gestione di uomini e squadra. E’ molto diffusa l’idea che l’aspirante allenatore imparerà a gestire giocatori e squadra attraverso la pratica e l’esperienza fatta sul campo, semmai sfruttando le conoscenze della sua eventuale trascorsa militanza da atleta o, magari, ascoltando e seguendo colleghi più esperti. In verità essi, nel loro percorso formativo, vengono lasciati soli quanto ad acquisizione di nozioni necessarie al saper gestire tali problematiche. Non sono rare le circostanze in cui sentiamo dire della bravura, dal punto di vista tecnico, di questo o quell’allenatore, ma anche della sua incapacità a conseguire risultati di vertice. Nella quasi totalità dei casi gli insuccessi sono da addebitarsi alla carenza di capacità gestionale della squadra e dei suoi componenti. Ogni allenatore vorrebbe poter scegliere i giocatori con cui costruire la sua squadra. Ma è questa un’aspirazione che resta una chimera, spesso anche nei grandi Club. Se però l’allenatore dovesse avere la fortuna di poter selezionare così come vuole i propri giocatori, deve farlo in funzione dell’attitudine di questi a sposarsi oltre che col proprio gioco anche col proprio vissuto. Nella mia carriera ho sempre ascoltata chiara e distinta una voce corale proveniente dallo spogliatoio: nessun coach può essere un io, senza di noi. Senza legittimazione da parte dei propri giocatori, tutte le competenze, pur se eccezionali, sarebbero inutili ai fini del conseguimento di traguardi ambiziosi. Poi bisogna essere edotti sulle dinamiche dei gruppi. E’ importante sapere che la caratteristica fondamentale della squadra sportiva è il legame tra i componenti. La forza di aggregazione che li lega. Quello che in una parola oggi chiamiamo COESIONE e che una volta definivamo AMALGAMA o più semplicemente AFFIATAMENTO. E bisogna sapere come intervenire nel favorire tale processo aggregativo. Vanno adeguatamente amministrate quelle che sono le attese individuali dei vari giocatori. Esse sono il motore insostituibile per un rendimento sopra le righe. Infine, va evidenziato come l’organizzazione, la struttura e le dinamiche della squadra siano intimamente connesse alla funzionalità del Club. Infatti, solo una Società con caratteristiche di solida organizzazione risulta idonea a costruire e mantenere una forte squadra capace di conseguire risultati agonistici duraturi. Verificandosi che l’organizzazione interna del Club rispecchia quella della squadra. Un Club con caratteristiche diverse non può contare di avere a lungo una squadra competitiva. Senza voler attuare nessuna campagna di marketing, ma solo a fini divulgativi invito a leggere l’ultimo mio libro: I SEGRETI DELL’ESSER COACH – Agevole manuale per aspiranti coach sportivi. Edito da NARCISSUS in formato e-book  è reperibile in tutte le librerie online, oppure in formato cartaceo presso la LIBRERIA DELL’ATENEO in via Rosati a Foggia.  NOTA DI REDAZIONE — IL LIBRO DEL PROF. VANNI PELUSO CASSESE (AL COSTO QUASI SIMBOLICO DI 5,99 EURO) E’ ALTAMENTE FORMATIVO PER GLI ADDETTI AI LAVORI DEL MONDO SPORTIVO, PER CUI NE CONSIGLIAMO UN’APPROFONDITA LETTURA.

Altri articoli

Back to top button