EventiPrima pagina

DAUNIA ART FESTIVAL 2022 SAN SEVERO SUMMER JAZZ

In collaborazione con Associazione No-Profit “Amici Jazz San Severo” MERCOLEDI 29 GIUGNO

S A N D R O D E I D D A soprano/tenor sax
with special guest:
Guido Di Leone: chitarra
Giuseppe Bassi: contrabbasso
Giovanni Scasciamacchia: batteria

Toccherà a SANDRO DEIDDA, jazzista salernitano, docente del Conservatorio “Martucci” e coordinatore del Dipartimento di Musica Jazz e Pop, accompagnato da tre strepitosi musicisti ad aprire la kermesse del San Severo Summer Jazz 2022 nell’ambito della rassegna estiva Daunia Art Festival – Spazio Off Inchiostro al Mat – Museo Alto Tavoliere.

Il quartetto propone brani originali e standard’s jazz fra i più noti.
Rispetto e devozione per la tradizione alla quale i quattro protagonisti sono visceralmente legati da un amore incondizionato che si manifesta attraverso ogni singola nota e guardare oltre con un sound fresco e personale.

Sandro Deidda, classe 1965, è un grande cultore della musica, compositore e arrangiatore. Un vero pilastro per la scuola salernitana di Jazz, detiene un vissuto musicale ricco e notevole, fatto di collaborazioni con grandi nomi del jazz italiano ed internazionale come Paolo Damiani, Stefano Di Battista, Fabrizio Bosso, Gegè Telesforo, Maria Pia De Vito, Renzo Arbore, Solis String Quartet, Sergio Caputo, Hilton Ruiz, Randy Brecker, Tom Harrell, Bob Dorough e il vocalist Carl Anderson (il Giuda di Jesus Christ Superstar).
Dal 2002 al 2012 è stato sassofonista dei Manhattan Transfer, unico europeo del progetto.
Oggi, insieme a Guglielmo Guglielmi e Aldo Vigorito, anima il Trio di Salerno, una raffinata formazione jazzistica con cui ha realizzato tre incisioni importanti che comprendono alcune colonne sonore di film che hanno segnato il cinema italiano.

Vince il secondo posto al “Grand Prix Du Jazz” insieme ai Deidda Brothers.
Inoltre, si ricordano le numerose presenze in programmi RAI, quali “Acquacalda”, “Blue Night”, “Mille Lire al Mese”, “Furore”, “Sanremo” e molti altri ancora.

GUIDO DI LEONE:
chitarrista, didatta, è nato a Bari nel 1964, dove attualmente vive.
Molto prolifico come compositore, bandleader e arrangiatore, ha inciso un centinaio di CD, di cui circa la metà come leader, lavori pubblicati prevalentemente per le etichette “YVPMusic”, “Philology “, “Abeat Records” e Fo(u)r, di cui ne è anche fondatore. Il suo rinomato comping e la buona conoscenza degli standards jazz, lo portano a suonare ed incidere frequentemente con noti artisti internazionali.( Mark Murphy, Jerry Bergonzi, Peter Bernstein, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Jim Rotondi, Renato Chicco, Jim Snidero, Michele Hendricks, Tiziana Ghiglioni, Andy Watson, Claudio Fasoli, Gianluigi Trovesi, Franco Cerri, Gianni Basso, Ira Coleman, Gary Smulyan, Marco Tamburini, Dado Moroni, Mal Waldron, Trio Corrente, Gilson Silveira…)

A queste collaborazioni si aggiungono quelle con i suoi conterranei, Larry Franco, “Con Alma Trio” (Vito Di Modugno e Mimmo Campanale), ” Pocket Orchestra”, Paola Arnesano ed è spesso, solista jazz dell’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana di Bari. È direttore e docente di chitarra e armonia della scuola musicale “Il Pentagramma di Bari”, da lui stesso fondata nel 1985. Dirige anche il “Duke Jazz Club Bari”, annesso alla sede della scuola.

GIUSEPPE BASSI:
contrabbassista dal marcato stile nero americano, tipicamente acustico, è oggi molto impegnato a livello internazionale e molto richiesto da musicisti di fama come Ute Lemper, Lew Tabackin, Bill Mays, Don Friedman, Bobby Durham, John Hicks, Rashed Ali, Jed Levy, Joe Magnarelli, Helen Sung, Mark Soskin, Bill Goodwin, Billy Drummond, Greg Osby, Mal Waldron, David Liebman, George Garzone, Tony Scott , Harold Danko, Avishai Cohen, Adam Nussbaum, Sumire Kuribayashi ecc … Ha suonato e registrato con tutti i musicisti jazz più importanti e rappresentativi in Italia: Enrico Pieranunzi , Dado Moroni, Roberto Ottaviano, Gegè Telesforo, Roberto Gatto, Stefano Bollani, Francesco Cafiso, Fabrizio Bosso, Gianni Basso, Dino Piana, Franco Cerri, impossibile elencarli tutti .
Giuseppe Bassi è co-fondatore del gruppo italo-taiwanese Mission Formosa ed è l’autore del progetto ‘Atomic Bass’ con Sumire Kuribayashi al piano e Yudo Matsuo alla chitarra, un’opera (composta da un docufilm, un libro e un cd) ispirata al disastro nucleare di Fukushima, che è diventata il simbolo di come la musica e l’arte possano ‘idealmente’ diventare simbolo di pace, dialogo e solidarietà.
Attualmente suona nei progetti della famosissima attrice/cantante Ute Lemper ed è leader di una nuova band Soul-Funk con la presenza della cantante americana Joanna Teters. Prestissimo l’uscita del nuovo disco. Co-fondatore della nuova etichetta di produzione Doppio Sugo

GIOVANNI SCASCIAMACCHIA:
batterista e compositore, nasce a Bernalda (MT) nel 1977. La sua formazione da autodidatta avviene negli anni attraverso l’ascolto attento della musica, soprattutto quella dei “Grandi” del jazz. Sarà proprio la grandezza e la bellezza di questo genere che lo porterà ad esprimere pienamente il suo talento che porterà in dote al pubblico di San Severo Summer Jazz 2022.
Numerosa la produzione discografica da leader e tantissimi i concerti nei Jazz Club e Festival Jazz in Italia e all’estero come il recente tour 2019 in Giappone. Ha collaborato e collabora con Dado Moroni, Perico Sambeat, Rosario Giuliani, Fabrizio Bosso, i fratelli Deidda e Scannapieco, Andrea Pozza, Michele Hendricks, Sumire Kuribayashi, Gaetano Partipilo, Jed Levy, Joe Magnarelli, Michael Rosen e tanti altri.

Altri articoli

Back to top button