ComunicatiIn evidenzaPrima pagina

DINO MARINO: “ALLA GIUNTA COMUNALE SERVE PIU’ CORAGGIO AMMINISTRATIVO PER CAMBIARE IL SEGNO NEGATIVO ATTUALE”

“I problemi della città sono tanti e la coalizione ” bene comune” da sola in questi due anni non mi è sembrata all’altezza di prendere per le corna il toro delle tante questioni aperte. Criminalità, compostaggio, rifiuti e discariche, servizi in genere, trasparenza e efficienza amministrativa, piano del traffico e arredo urbano. In ognuno di queste questioni c’è un paradigma della contraddizione è  un avversione a risolvere ogni problema nell’interesse della città. Servirebbe un coinvolgimento,lungo questo crinale, di tutte le forze politiche presenti in città, servirebbero risposte meno parziali e più unitarie. Altrimenti si fa da apripista alla non politica. Il limite più forte del nuovo civismo, sta nel fatto che non esprime l’esigenza di cambiamento che pure in città c’è, dietro il vuoto programmatico ,si nascondono i vecchi metodi di una politica di promesse e di metodi appartenenti ad una stagione, che le persone hanno già superato, quella di Damone. Solo con più coraggio amministrativo si potrebbe cambiare il segno di questa giunta, che è percepita come la peggiore che ha governato San Severo. Poi nella maggioranza ci sono novità e in parte una nuova classe politica che rischia di essere schiacciata dal vecchio che galleggia. In quest’ottica le problematiche della città vengono lasciate in mezzo al guado e alcune questioni possono incancrenire. Pensiamo ad un nuovo welfare in grado di liberare tanti giovani dalla morsa della criminalità organizzata, pensiamo al ruolo che il comune può avere per dare un ulteriore spinta all’agricoltura, pensiamo al lavoro e ai nuovi lavori, non ho mai compreso il perché ci si è fatto sfuggire, in una realtà come la nostra, un investimento di 14 milioni di euro, nel campo della cura alle persone.    I giovani d’oggi amano mettersi in gioco, tanto che si riesce a percepire il fervore tra coloro che decidono di avviare una nuova attività. Hanno voglia di raggiungere il successo attraverso le loro capacità e le loro idee innovative. Pur essendo estremamente dotati, necessitano però di una base solida da dove incominciare ad intraprendere il loro cammino. Ecco, noi dobbiamo creare spazi  adibiti ad uffici temporanei e di servizi ad essi connessi.Miglio ha ancora tempo per cambiare volto a questa amministrazione, non sono per il tanto peggio tanto meglio, per me gli interessi di San Severo,  superano ogni versione parziale della politica. Abbiamo bisogno di una nuova programmazione e di una corsa di tutti a dare il meglio per la città. Se si superano gli steccati, per fare tutti gli interessi della città,  si può aprire una nuova stagione, ma se si continua con la storiella di noi e voi, perderemo solo tempo, invece, questa consapevolezza è presente in consiglio, ma non appartiene a tutti. Per me in opposizione che si rispetti e che tiene l’ambizione del governo cittadino, deve spostare l’asticella degli interessi della città più avanti, dando prova di sapersi cimentare con il governo, a gridare siamo bravi tutti, ma è la sfida del governo che ci fa costruire l’alternativa.”

 

Altri articoli

Back to top button