Comunicati

Dino Marino: “Arrivo nuovi migranti distoglie forze dell’ordine dal contrasto della criminalità organizzata”

Per il consigliere comunale Pd: “Accoglienza e integrazione sacre ma a San Severo non esiste più la legalità” “Com’è possibile che tutto questo avvenga mentre Miglio e la giunta comunale sono impegnati in uno sciopero della fame per la legalità, perché dopo le ultime tre rapine alla stessa ora la misura é colma. A porsi la domanda è Dino Marino, consigliere comunale Pd, in relazione all’arrivo a San Severo di 80 migranti nell’area compresa tra Via del Demanio – contrada San Ricciardo – via San Marco (nei pressi del cimitero). “Mentre la città è messa in ginocchio dall’escalation criminale, piovono bombe dappertutto e aumentano i furti e le rapine, lo Stato amplifica la sua presenza sul territorio ma le Forze dell’ordine, invece che per combattere la criminalità, sono impegnate per questa operazione. Come faceva Miglio a non sapere?”, aggiunge il consigliere comunale Pd che rincara la dose “se Miglio sapeva e ha dato il via libera a questi arrivi, nel pieno di un’emergenza sicurezza, è stato quanto meno avventato e sprovveduto”. Ma per Marino non finisce qui: “La zona in questione era interessata da un intervento di recupero. Che fine hanno fatto quei fondi? Perché le azioni non sono state portate a compimento? Perché a San Severo se questa è la situazione ? A chi fa capo la cooperativa che gestirà i servizi a favore dei migranti? A chi é vicina?” “L’integrazione e l’accoglienza sono sacre ma, in questa situazione di legalità precaria o inesistente, a nessuno è venuto in mente che questi nuovi “disperati” possano andare ad ingrossare le fila della manodopera criminale?”, conclude Marino che ribadisce la volontà di chiedere “un confronto sulla sicurezza in Prefettura”.

Altri articoli

Back to top button