ComunicatiIn evidenza

DIVAGAZIONI SUL TEMA DELLE VERITÀ RACCONTATE NELL’INCHIESTA DELLA ‘GAZZETTA’

In tema di verità. Non c’è mai fine allo stupore che assale chi si avvicina alla politica … Articoli che si susseguono, memoriali, inchieste che preannunciano “saporiti risvolti”, che non finiranno qui… Riassumendo il motto del Vescovo di Nicea (325 d.C.) “la verità in quanto tale, se diversa dalla nostra verità, non può essere la verità”. Insomma “un precetto della fede”. Quando poi l’intelligenza si piega ai voleri della rabbia, le affermazioni diventano infondate, tendenziose quasi ai limiti della diffamazione, ma per fortuna che ci sono le prove. Invero, risulta incomprensibile questa verità detta quasi con “diritto dinastico”, quando poi, il perché una persona si dimette, lo dice e lo scrive, cos’altro può dire se non quello che ha scritto o se ha cambiato idea, ce lo faccia sapere. Questi “unti del Signore” con la vocazione politica e la certificazione di qualità di “bene-fare”, con una microesperienza, che a quanto pare, ha svelato chissà quante verità, così da essere prodighi di consigli e analisi in apparenza “gratuiti”, forti di chissà quale diritto “Araldico” conquistato sul campo che altro non è che un carro di Tespi… e la recita continua, forse dimentichi di quanta ostinata vanità sia al fondamento di apparenti ragioni. Sta di fatto che, nonostante io non abbia preso accordi per così dire “di percorso” con nessuno, e non abbia a disposizione mezzi “di propaganda”, continuerò a dimostrare quanta “malafede” ci sia in opere e scritti, considerato che sarà dura vincere la più terribile delle maledizioni, inferta solo agli Dei, seppure di semplice applicazione e che consiste in un elementare concetto: “TI ABBIAMO DIMENTICATA”. Il resto “Panta Rei”(Eraclito). «Non si può discendere due volte nel medesimo ‘fiume’ e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel medesimo stato, ma a causa dell’impetuosità e della velocità del mutamento essa si disperde e si raccoglie.» (Diels-Kranz) ma non è mai la stessa cosa. Se le proprie ambizioni si elevano a stile di vita… mah!!! Si raccontano solo le telefonate ricevute, non si racconteranno mai quelle fatte. Poi su ciò che è rimasto, basta contarli, su ciò che non c’è più solo autoreferenzialità, che travalica logica e realtà. Per essere bugiardi, bisogna avere buona memoria e buone testimonianze….
GIUSEPPE RUSSI
Presidente de LA SVOLTA
PER SAN SEVERO

Altri articoli

Back to top button