In evidenzaPrima pagina

Due giovanissimi professionisti, creano gli occhiali made in San Severo: “Giamòneyewear”

San Severo, un po’ come Milano, nel senso che c’è chi sta cominciando a produrre occhiali. Certamente il paragone con Luxottica non regge, ma “Giamòneyewear”non si pone limiti. È il marchio “made in San Severo”, fondato da un ingegnere e un ottico, ispirato dalla passione di creare qualcosa di unico, originale e distinto.“Giamòneyewear” è il brand creato da menti giovani e innovative di un ingegnere e un ottico: Simone Minchillo e Gianluca Camillo. Interessi comuni, dedizione, passione e spirito imprenditoriale sono i capisaldi di “Giamòneyewear”,grazie ai quali ogni dettaglio viene studiato nei minimi particolari per dar vita ad un prodotto unico ed originale. “Ci siamo ispirati alla cultura della nostra vita personale e professionale – hanno dichiarato, i due imprenditori Abbiamo cominciato a disegnare e creare diversi prototipi nel nostro piccolo laboratorio. Nel momento in cui, lo stile ha incontrato l’eleganza e il design, si è fuso tutto con la passione e il risultato, almeno fino a ora, è strepitoso. Nemmeno noi ce lo aspettavamo”. Così l’ottico Gianluca Camillo: “In 4 mesi dalla commercializzazione, iniziata in sordina, ma con un brand che si è dimostrato subito in ascesa, soprattutto tra i giovani e le persone affermate, stiamo vendendo più occhiali da sole che da vista, in modo indifferente tra uomini e donne. Un paio di occhiali da vista, ci sono stati commissionati da due persone molte conosciute a San Severo, nella montatura più gettonata: il modello Gravis. I disegni li realizziamo io e Simone, ma è lui il tecnico che fa materializzare le idee. Molte richieste ci sono pervenute da tutta la Puglia e dall’estero”. Il punto vendita resta “l’Ottica Camillo”, in via Zannotti a San Severo. La prima curiosità è legata al nome del marchio: Giamòn. Così, lo spiega, Simone Minchillo: “Dopo una fase studio, tra grafica e fonia, siamo arrivati alla conclusione di usare l’acronimo dei nostri nomi:Gianluca-Simone, che è diventato‘Giamòn’. Anche per questo, crediamo molto in noi stessi e lo vogliamo indicare chiaramente nel nome del marchio che poi rappresenta l’azienda negli obiettivi che ci siamo posti sul mercato, sia italiano che estero”. Gianluca Camillo, ottico, creativo e specializzato nel suo lavoro, ha incontrato Simone Minchillo, con una laurea in ingegneria delle costruzioni a Pescara: “Gli occhiali vengono disegnati da noi il pomeriggio perché la mattina ci dedichiamo di più alla produzione e a contattare le aziende per le vendite. Le forme, le dime, le progettiamo in base alle tendenze, alla moda e al momento, facendoci guidare dalla tecnica, dalla nostra creatività e dall’esperienza. Così facendo, intercettiamo le richieste del mercato”. Definiti i disegni si passa alla produzione, dove la materia prima (legno, celluloide e metallo), tramite processi di lavorazione con attrezzatura di alto livello, arriva al prodotto finito. L’assemblaggio e la finitura vengono interamente realizzate a mano. Il prodotto è praticamente artigianale e ogni pezzo è unico. “La produzione nasce con una prima collezione di sedici modelli – riprende Simone Minchillo – di cuoi alcuni abbiamo deciso di dedicare al territorio, con un significato ben preciso. Questi i modelli attuali: Africa (per ricordare la missione in Africa 2015 di Gianluca Camillo; San Severo (dedicato alla nostra città da cui si parte, per arrivare oltre oceano); Puglia(una montatura dedicata alla regione più bella d’Italia, che sa gioire, soffrire, essere accogliente e solidale); Paz (un occhiale interamente dedicato al grande fumettista sanseverese Andrea Pazienza). Abbiamo pensato e voluto fortemente questa cosa per poter valorizzare e ricordare anche i grandi del nostro paese”. Nel dettaglio del modello Paz, entra Gianluca Camillo: “Il design dell’occhiale è stato realizzato prendendo spunto da un modello che lo stesso Andrea Pazienza indossava spesso, rivisitato in chiave moderna. È stato fatto uno studio grafico ben mirato e preciso, per arrivare ad una forma definitiva. Doneremo questa montatura al MAT e alla signora Di Cretico, magari, visto che è in corso una mostra per i 60 annidi Andrea e perché esiste l’archivio Splash. Resterà per sempre lì”. Due ragazzi, un ottico e un ingegnere, son rimasti a San Severo a fare gli imprenditori, animanti da tanta passione entusiasmo e voglia di emergere: proprio come questo territorio”.

Chi sono gli ideatori del marchio “Giamòneyewear ?

“Giamòneyewear” e i suoi creatori.Gianluca Camillo, dell’Ottica Camillo, frequenta il liceo artistico di San Severo e nel 2006 si diploma. Appassionato di pittura, scultura e arte in generale, crea sempre qualcosa di originale. Nel 2008 consegue l’abilitazione all’esercizio dell’arte ausiliare sanitaria di ottico, presso il Politecnico di Termoli e nel 2009 apre il negozio di ottica di cui è titolare. Nel 2015 parte per una missione in Africa, in qualità di ottico, con l’oculista dr Piero Sanpaolo, anche lui di San Severo. Al rientro della missione di volontariato, il sindaco, Francesco Miglio, lo premia con una targa di riconoscimento per l’esperienza vissuta. A settembre 2015 vince un premio “Lavoro” a Praga, da una nota azienda del settore come unico ottico pugliese. Simone Minchillo, si diploma a pieni voti all’istituto tecnico per geometri di San Severo nel 2012. Si è iscritto all’università “Gabriele D’Annunzio” e consegue la laurea in ingegneria delle costruzioni a Pescara nel 2015. Appassionato di elettronica, è molto bravo nell’ uso del pc e dei programmi gestionali. È capace di creare sempre qualcosa di impeccabile e tecnicamente valido. Anche con la matita è geniale. Le montature in legno, e quelle in legno d’ulivo, sono particolari.

youamitaly.it

Altri articoli

Back to top button