ComunicatiIn evidenzaPrima pagina

E S C L U S I V A: UN SANSEVERESE HA COSTITUITO L’ASSOCIAZIONENAZIONALE DEI COLLABORATORI DI GIUSTIZIA

CI E’ PERVENUTA IN REDAZIONE LA PRESENTE LETTERA CHE PUBBLICHIAMO VOLENTIERI PER IL GRANDE SIGNIFICATO CHE ASSUME PER UNA REALTA’ LOCALE COME LA NOSTRA, ORA PIU’ DI IERI IMPEGNATA SUL FRONTE DELLA GIUSTIZIA E SEMPRE PIU’ AL FIANCO DELLE FORZE DELL’ORDINE E DI TUTTE LE ISTITUZIONI:

 

Spett. Redazione deLA GAZZETTA DI SAN SEVERO (FG), mi chiamo N. A. (le iniziali esclusivamente per una questione di sicurezzaessendo un Collaboratore di Giustizia dal 2006. SONO NATO A SAN SEVERO ED HO COSTITUITO L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI COLLABORATORI DI GIUSTIZIA per poter essere di aiuto a tutti coloro che, dopo essere usciti dal programma di protezione, si ritrovano a non saper come fare per potersi reinserire in un contesto sociale dopo aver pagato il conto con la Giustizia e la Società Civile, visto che ormai Magistratura e Stato fanno di tutto per far cadere questo sistema creato da due paladini della Giustizia quali sono stati PAOLO BORSELLINO e GIOVANNI FALCONE, ammazzati dalla MAFIA. Voglio precisare una cosa: tali scambi di notizie fra richiedente e proponente viene fatto solo via email e senza che entrambi si conoscano o debbano dare le loro generalità.Ci occupiamo di reinserimento a distanza a seconda delle esigenze tramite cooperative che non sanno assolutamente la provenienza del loro passato di Collaboratori di Giustizia.Ma non solo questo. Ci occupiamo in particolar modo di situazioni con minori malati e molto disagiati dallo stato dei genitori ex detenuti che affianchiamo per un lavoro ed una sistemazione alloggiativa provvisoria.Consigliamo ed offriamo le consulenze legali in ambito penale con avvocati online che contatteranno gli interessati direttamente; cerchiamo insomma di non abbandonare nessuno, visto che Giustizia e Stato hanno abbandonato noi, orgogliosi di aver già aiutato sistemando con lavoro ed altro ben SEDICI fra Collaboratori di Giustizia e loro familiari abbandonati dallo Stato. Siamo a disposizione di chi vuole contattarci ma solo appartenente a questa categoria o loro familiari, comprese storie come quella di questi giorni del sanseverese MASSIMO CIPRIANI. Non abbiamo paura di aiutarli e prenderli in carico. Mi rivolgo ora a quelli che si dicono MALAVITOSI! Sappiate che se volete provare ad infiltrarvi perdete tempo perché siamo ferrati e le valutazioni le facciamo assieme a due esperti criminologi ed altri appartenenti aSISTEMI INFORMATICI AUTORIZZATI. Né LA GAZZETTA DI SAN SEVERO, né altre testate giornalistiche conoscono le nostre collocazioni geografiche. Per quanti volessero contattarci — ESCLUSIVAMENTE SU TEMATICHE DI PENTITISMO — il contatto è questo: collaboratoregiustizia@virgilio.it — Ringraziamo la Redazione deLA GAZZETTA DI SAN SEVERO (FG) per l’ospitalità giornalistica e per quello che la stessa fa per le persone svantaggiate. VI AMMIRIAMO VERAMENTE.  GRAZIE E AVANTI COSÌ!

L’AMMINISTRATORE

UNICO DELLA ASS. NAZ.

COLL. GIUST. ONLINE – N. A.

Altri articoli

Back to top button