ComunicatiPrima pagina

Effettuata la sanificazione delle strade. Il Sindaco Miglio: “Grazie agli operatori ed agli agricoltori, da oggi siamo ancora più orgogliosi di essere sanseveresi!”

Qualche sera fa, le strade deserte di San Severo sono state attraversate dai trattori degli agricoltori che hanno contribuito alla sanitizzazione delle vie della città. I lampeggianti gialli e l’odore tipico del cloro, sono stati i tratti identificativi dell’operazione. Ma tutto è  iniziato in modo spontaneo, con spirito di servizio in un momento che sta chiamando tutti a darsi da fare per sé stessi e il prossimo: “Come agricoltori, in una nostra chat è stata lanciata l’iniziativa concordata con l’Amministrazione comunale per il tramite di alcuni consiglieri comunali a cui ci siamo rivolti per le opportune autorizzazioni e la fornitura dei DPI (dispositivi di protezione individuali) previsti e ci siamo mossi in poche ore dopo aver avuto in un attimo più di 20 adesioni volontarie – ha dichiarato a Luigi de Lilla che ha fatto un po’ da coordinatore degli agricoltori – tra cui alcune cantine (Nardella, Siena, Tricarico, Antica Cantina, Vivai Palumbieri) e tanti agricoltori con i loro trattori. Dopo aver diviso la città in 10 settori, siamo partiti con lo spruzzare il prodotto, in modo coordinato. Il centro storico èstato fatto dalla Protezione Civile perché i nostri mezzi non potevano passare nelle strade strette. Grande solidarietà da parte di tutti gli addetti ai lavori perché mentre circolavamo si sono uniti altri agricoltori a darci supporto. A metà settimana ci sarà un’altra azione e se i grandi condomini e i supermercati ci lasciano i cancelli aperti, sanificheremo anche da loro”. La vocazione agricola di San Severo, oltre che nei suoi prodotti eccellenti (vino, olio, grano) si è dimostrata anche con quest’esempio dettato seppur da un momento particolare che sta creando comunità e che solo con meticolosa osservazione delle norme, a cominciare da stare in casa, si potrà uscire da quello che sembra un incubo: “Ci simo mossi immediatamente e senza esitazioni – ha confermato a l’Attacco, l’imprenditore olivicolo Rosario Di Scioscio – Dopo aver reperito il prodotto (ipoclorito di sodio) a buon prezzo nel barese lo abbiamo recuperato con un mezzo di un’azienda amica. Velocemente, dopo le autorizzazioni ci siamo mossi. Anch’io ho usato un trattore particolare con cui sanifico l’azienda. È dotato di un ‘cannone, che consente di arrivare anche nei luoghi di difficile accesso. Intanto – ha concluso Di Scioscio – si stanno aggregando altri volontari che vogliono contribuire”. Voglia di dare senza nessun altro fine il proprio contributo per spezzare la diffusione anche a San Severo del Coronavirus, anche se uno dei migliori sistemi resta quello di non uscire di casa. “Eravamo 20 ma era come fossimo 100 – ha evidenziato Michele Nardella, imprenditore agricolo – perché dalle ore 21.30 alle ore 24.00 abbiamo spruzzato il disinfettante in tutta la città. Veloce l’organizzazione a cui ha contribuito anche l’assessore all’Ambiente, Felice Carrabba. Ci siamo incontrati nell’area della caserma della Polizia Locale, abbiamo indossato i DPI, riempito i nostri carelli atomizzatori e quelli usati per i trattamenti nei terreni seminativi, ci siamo mossi in modo coordinato per coprire tutta la città. La strategia è stata quella di usare in modo razionale i grandi mezzi come il mio per le strade più larghe e periferiche”. Profondo il messaggio di ringraziamento del sindaco, Francesco Miglio, che ha supervisionato i lavori.

Beniamino PASCALE

Altri articoli

Back to top button