ComunicatiIn evidenza

Esemplare la mobilitazione di San Severo “Pro Ucraina”

L’Editoriale di DESIO CRISTALLI

                                                                                           

Pur conoscendo la storica solidarietà umana dei Sanseveresi, dimostrata in tanti frangenti passati (e penso alla tragedia della Stazione Ferroviaria del 3 aprile 1989, alle numerose crociate di volontari in occasione di terremoti non molto distanti da noi, alle più recenti raccolta fondi nel periodo più nero del COVID e alla petizione per sollecitare al massimo i lavori di messa in sicurezza della Statale 16 San Severo Foggia volute ed onorate dalla nostra testata giornalistica con l’aiuto corale della Cittadinanza), ci aspettavamo dalla nostra gente quel che abbiamo visto in questi giorni. Sono stati gli imprenditori e qualche sodalizio del nostro meritorio volontariato, oltre all’Editore SALES della nostra GAZZETTA e a privati cittadini di buona volontà – con in testa l’associazione onlus “IL SOGNO DEI BAMBINI” – che si sono mobilitati per raccogliere di tutto in favore delle disastrate popolazioni dell’Ucraina. E QUI VALE LA PENA DI AGGIUNGERE CHE, ALMENO FINORA, CI SAREMMO ASPETTATO MOLTO DI PIÙ DALLE ISTITUZIONI D’OGNI TIPO! Il momento più toccante è stato quello della partenza dalla stazione ferroviaria del cosiddetto AUTOBUS DELLA SOLIDARIETA’ carico di generi alimentari, medicinali e vestiari, cioè quel pullman destinato a tornare pochi giorni dopo, una volta prelevato in Slovacchia una novantina di persone sfollate dalla capitale ucraina di Kiev (soprattutto bambini da distribuire prima a presidi di accoglienza e poi alle famiglie che chiederanno un affido temporaneo). A questo pullman se ne è unito un secondo in partenza da Teramo per rendere ancora più corposa la missione umanitaria. Queste persone sfortunate e bisognose di calore umano prima che di tutto il resto, si aggiungono alla comunità di circa 150 cittadini ucraini che nel tempo hanno trovato ospitalità e nuova vita nella nostra Città. Insomma anche in questa occasione la nostra popolazione ha dimostrato, al di là di una maligna nomea per colpa della criminalità stanziale, di essere animata da autentica solidarietà umana e tanta generosità. Le prove di quanto diciamo sono nei fatti, dimostrabili a chiunque avesse perplessità su una bontà collettiva che San Severo è stata capace di dimostrare in passato ed è capace di esprimere ancora oggi al cospetto di tragedie sociali del nostro tempo. E siamo certi che la popolazione di San Severo nel tempo farà molto di più per ribadire la sua proverbiale ospitalità

Altri articoli

Back to top button