ComunicatiIn evidenzaPrima pagina

FILIPPO RIVELA AI SANSEVERESI IL “MISTERO” DELLA MEDAGLIA DI CARTONE

di MICHELE MONACO
Chi è FILIPPO? E perché aiuta i Sanseveresi? Andiamo per ordine. Parliamo di FILIPPO SANTIGLIANO (nella foto), stimato giornalista foggiano di lungo e prestigioso corso, attualmente capo redattore della redazione di Foggia de “La Gazzetta del Mezzogiorno”. Ha collaborato con Repubblica e il Giornale di MONTANELLI come corrispondente delle regioni Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata. Raffinato uomo di cultura, è stato docente ai corsi di comunicazione interateneo delle Università di Bari e Foggia. Un suo editoriale aiuta – a mio modesto avviso – i Sanseveresi a riflettere, con dati di fatto,
sulla istituzione a San Severo del Reparto Prevenzione Crimine di via Guareschi. E ne parliamo proprio a poche ore dallo svolgimento del convegno sulla legalità e sicurezza che si è tenuto a San Severo con la presenza dell’ex Ministro MARCO MINNITI. SANTIGLIANO nel suo editoriale (del 15 maggio 2018-Gazzetta di Capitanata) scriveva, tra l’altro, quanto segue: <<Resta invariato il problema delle forze in campo, perché il reparto prevenzione crimini a San Severo sostituisce e non aggiunge personale delle forze dell’ordine – a tutti i livelli – perso negli anni per via dei pensionamenti senza turn-over>>…(chiaro?). Prosegue scrivendo che…<< la lotta al crimine organizzato va intensificata con azioni di carattere sociale e per fare questo occorre una classe dirigente in grado di fissare obiettivi e di perseguirli>>. Fin qui le osservazioni di SANTIGLIANO. Osservazioni che ci aiutano a capire due cose: LA PRIMA cosa che balza agli occhi è che la VANAGLORIA del primo cittadino era solo una MEDAGLIA DI CARTONE quando si auto-attribuiva, con manifesti giganti, la presenza di circa 70 tutori delle forze dell’ordine IN PIÙ nel territorio. Presenze che – seppur importantissime – non erano AGGIUNTIVE ma SOSTITUTIVE. La SECONDA cosa che fa riflettere di SANTIGLIANO è il riferimento alle azioni di prevenzione nel sociale che vanno messe in atto da una classe dirigente che invece – dicono i cittadini – non si è rivelata tale quando doveva tempestivamente intervenire sulla dispersione scolastica e sul bullismo vandalico dilagante in città. Qualcuno del Comune ha mai reso nota la percentuale della dispersione e dell’abbandono scolastico presente nella scuole dell’obbligo di San Severo? Appena qualche giorno fa, pensate, è stata costituita una Commissione aperta a Palazzo Celestini che dovrà monitorare il fenomeno della dispersione scolastica. Tutto questo agli sgoccioli di fine mandato. E allora, per dirla con SANTIGLIANO, occorre una classe dirigente all’altezza della situazione, altrimenti non basterà nemmeno l’arrivo del Settimo Cavalleggeri guidato dal Generale Custer-MINNITI A CUI DARE LE CHIAVI DELLA CITTA’. UN ALTRO SALVATORE DELLA PATRIA COME MICHELE EMILIANO. Un saluto, e un ringraziamento a …FILIPPO SANTIGLIANO.

Altri articoli

Back to top button