Politica

Flash Mob degli insegnanti a San Severo. Sernia: “Parlano di rivoluzione culturale e poi sottraggono fondi alla scuola?”

“La scuola statale è un patrimonio nazionale da difendere”. Questo lo slogan, che campeggia in queste  sere nelle piazze di 120 città d’Italia, San Severo inclusa, nel corso del flash mob ideato dagli insegnati di tutte le scuole di ogni ordine e grado, riuniti in protesta contro la riforma della “Buona Scuola” sviluppata dal governo Renzi. Come Movimento 5 Stelle di San Severo, solidarizziamo  e ci associamo alla protesta silenziosa, illuminata solo dalla luce di candele, di tutti quei docenti presenti in Piazza Allegato.

“Non è pensabile”, commenta Giorgio

 

Sernia, candidato consigliere alla Regione con Laricchia Presidente, “che si parli di rivoluzione culturale, e di cultura come risorsa primaria per il rilancio dell’economia di un paese, quando poi se ne sottraggono fondi”.

“Sette”, aggiunge il candidato, “sono state le soluzioni presentate a livello nazionale, e locale a favore del mondo dell’istruzione. Per ogni settore, inoltre, è stata presentata una specifica proposta di legge, e per ogni comparto tematico sono stati presentati e approvati emendamenti, ed atti parlamentari. Reclutamento dei docenti, no alle classi pollaio, ed edilizia scolastica. Ma anche: limitazione dei contributi volontari, update dell’istruzione, salute degli studenti, lotta ai diplomifici , e stop ai fondi statali per le scuole paritarie. Queste le proposte concrete, alcune”, spiega Giorgio Sernia, “realizzabili e potenziabili con strumenti di accesso a fondi ed agevolazioni già a disposizione  dei cittadini. Incisivo è stato il risalto, e l’impulso offerto dalla campagna comunicativa ‘Muri Maestri’. L’iniziativa creata per sollecitare le amministrazioni comunali all’adesione ai finanziamenti per le ristrutturazioni e le migliorie per gli edifici scolastici previsti dal ‘Decreto Mutui’. Su questo fronte condividiamo in toto la visione duratura e meglio strutturata sulla scuola della nostra candidata alla presidenza, Antonella Laricchia”.

“A questo scopo è nato, ad esempio, il ‘Progetto 110 e lode’ con l’obiettivo di rifondare il modello di sviluppo economico e sociale della Puglia partendo proprio dal contributo del mondo universitario pugliese. L’intenzione  sarà quella di costruire in modo partecipato uno strumento operativo in collaborazione con tutte le Facoltà e i Dipartimenti delle Università Pugliesi invitati a formulare idee e proposte, ognuno per il proprio settore di competenza. Il tutto”,  conclude Sernia, “potrà essere realizzato in itinere attraverso il canale comunicativo creato ad hoc collegandosi al sito www.puglia110elode.it”.



San Severo, 24/04/2015

Movimento5Stelle San Severo

Altri articoli

Back to top button