Eventi

Fratelli d’Italia-AN: Nel giorno dell’anniversario della morte di Paolo Borsellino il nostro grazie a tutte le forze dell’ordine e una strada a Emanuela Loi

Il 19 luglio ricorre il 24° anniversario della strage di via D’Amelio, a Palermo, in cui morirono per mano della mafia il giudice Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta.

Nel ricordare il loro sacrificio il circolo di Fratelli d’Italia di San Severo, insieme, al Dipartimento Tutela Vittime di Foggia, esprime il suo sostegno e la sua solidarietà alle forze dell’ordine e di polizia per il lavoro e l’impegno profusi alla sicurezza dell’intera collettività.

Non solo, ancora una volta si auspica che le nuove generazioni crescano con l’ideale della legalità facendolo diventare stile di vita. Come diceva Borsellino: “Se la gioventù le negherà il consenso anche l’onnipresente mafia scomparirà con un incubo. (…) La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà  che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.”

“Siamo convinti che ci siano cittadini, giovani e meno giovani, che non si sono arresi al malcostume vigente e che si battono e agiscono per difendere ciò che di bello questa terra possa offrire. Fondamentale, per poter raggiungere questo risultato, è la costante presenza e opera di monitoraggio delle nostre forze di polizia spesso penalizzate e bistrattate dalle varie leggi di stabilità” afferma l’Avv. Casimiro delli Falconi coordinatore cittadino.

“Fratelli d’Italia non ha mai negato il suo sostegno a quelle donne e a quegli uomini che ogni giorno indossando la divisa mettono a repentaglio la loro vita. Proprio per questo abbiamo una proposta da fare al Sindaco di San Severo. Nei prossimi giorni depositeremo una richiesta di intitolare una via a Emanuela Loi, tiratore scelto della scorta di Borsellino e prima donna poliziotto uccisa per mano della mafia. Un omaggio doveroso alla sua memoria” dichiara Antonella Zuppa referente provinciale del Dipartimento Tutela Vittime.

A 24 anni di distanza dalla sua morte echeggiano ancora le parole del giudice Borsellino, parole che per chi è di destra sono pane quotidiano “ Solo chi ama la patria ama se stesso”.

Mentre alcuni dimenticano, altri ricordano quel famoso pomeriggio di maggio del 1992 quando 34 deputati del MSI lo candidarono e lo votarono come Presidente della Repubblica, ottenendo, all’XI scrutinio, 47 voti. Gli eventi storici andarono diversamente ma l’eredità che ci ha lasciato merita di essere tutelata  ogni giorno.

Coordinamento cittadino di Fratelli d’Italia-AN  San Severo

Dipartimento Tutela Vittime FdI-AN provincia di Foggia

Altri articoli

Back to top button