EventiPrima pagina

“Fratelli tutti: ricostruire l’umano nell’uomo”, l’incontro-dibattito dell’Inner Wheel Club di San Severo

Il 14 giugno, nel Foyer del Teatro comunale, alle ore 19,00,  l’Inner Wheel, Club di San Severo, propone un incontro-dibattito sul tema “Fratelli tutti: ricostruire l’umano nell’uomo.”

L’evento gode del Patrocinio del Comune e della Diocesi di San Severo e vede la collaborazione del Club Rotary di San Severo, del Club Rotary di Cerignola e della Consulta delle Associazioni.

I fatti  storici, nei quali siamo immersi , fanno pensare piu’ al concetto di ” homo homini lupus, tanto teorizzato dal filosofo inglese  T. Hobbes, che al concetto di  “fratellanza” , ripetuto infinitamente  e magistralmente da Papa Francesco. Ci chiediamo:  si puo’ ancora credere nella fratellanza,  “nell’umano nell’uomo”,  dopo i fatti della Shoah, dei Gulag, “vedendo” quotidianamente il terrore causato  dalle guerre in corso e vivendo nel timore che le armi nucleari possano nuovamente essere  usate dopo Hiroshima?

A guidare la riflessione sul tema  della serata, saranno due illustri relatori:  Mons. Giovanni Checchinato, Vescovo di San Severo e il dott. Ludovico Vaccaro, Procuratore  Capo di Foggia.

La  scelta dell’argomento non ha la pretesa di fornire risposte ma di porre interrogativi.

 L’Inner Wheel è un Club Internazionale di “service” e, per sua stessa natura, si confronta con socie,  donne  che vivono nei più disparati paesi del mondo e che sono un osservatorio “sul campo” della precarietà politica, umana, sociale, nella quale siamo immersi per la tragica storia  di guerra quotidiana. E allora,  l’obiettivo primario della iniziativa è volerci  interrogare come “famiglia umana” e come singoli, indipendentemente da ogni tipo di fede politica o religiosa, indipendentemente dai luoghi geografici in cui viviamo . Il  testo “Fratelli tutti, di Papa Francesco apparentemente semplice, ma di grande complessità è un validissimo strumento per una riflessione a tutto campo sui problemi del nostro tempo , non in modo dottrinale ma esperenziale,  perchè punta sul bisogno, o meglio sulla urgenza, di rimettere al centro dell’attenzione l’uomo, la sua dignità e non la politica degli interessi di “pochi”,  non il potere o una economia  che è ostacolo anziché crescita dei popoli.

Ci troviamo in una condizione di “stallo”, abbiamo capovolto la Storia della umanità e le conquiste democratiche dell’ultimo secolo ; perfino la cultura  la censuriamo con colorazioni politiche. Senza voler cadere nel catastrofismo, occorre individuare una “arte nuova di pensare” per “risvegliare l’umano nell’uomo” e assicurarci la sopravvivenza sul pianeta terra; occorre capire che la guerra distrugge le civiltà, non le costruisce. Come esseri umani abbiamo bisogno gli uni degli altri perchè non siamo “isole” ma soggetti che si sviluppano e crescono solo attraverso le “relazioni”.  Interrogarci come singoli e come comunità è il primo passo per impegnarci verso le generazioni future!

Inne Wheel , Club di San Severo

Altri articoli

Back to top button