ComunicatiIn evidenza

I TRATTURI DI PUGLIA: UNA RISORSA DA VALORIZZARE. Ambito di studio TRATTURO MAGNO L’AQUILA-FOGGIA (n.1)

COMUNI DI CHIEUTI – SERRACAPRIOLA – SAN PAOLO DI CIVITATE – TORREMAGGIORE – SAN SEVERO – FOGGIA

Redazione del Documento Regionale di Valorizzazione dei Tratturi (DRV)

 Artt.14 e 15 della L.R. n. 4/2013, Testo Unico delle disposizioni in materia di demanio armentizio

I tratturi rappresentano un complesso di valori storici, archeologici, antropologici, culturali, socio-economici ed ambientali unico, uno spazio di vita collettivo con il quale le comunità locali hanno intrattenuto e intrattengono un rapporto relazionale, identificativo, emotivo.

Il Tratturo L’Aquila-Foggia, con i suoi 244 km, è il più lungo, grande e importante dei cinque Regi Tratturi e per questo motivo, è chiamato “Tratturo Magno“. Convogliava le enormi greggi provenienti dal massico del Gran Sasso, di parte del Sirente e della Majella ai vasti pascoli del Tavoliere delle Puglie, dopo aver lambito le sponde del Mar Adriatico. Il suo tracciato parte dalla Basilica di Collemaggio a L’Aquila e giunge a Foggia in piazza Epitaffio.

La valorizzazione territoriale rappresenta un obiettivo strategico dell’attuale programmazione della Regione Puglia e tra i beni demaniali regionali da recuperare e valorizzare figurano i tratturi, preziosa testimonianza identitaria della comunità pugliese.

La L.R. n. 4/2013 (Testo Unico delle disposizioni in materia di demanio armentizio), ha codificato un complesso processo di pianificazione della rete tratturale, articolato in tre fasi, ciascuna sostanziata da uno specifico elaborato. La prima fase, attiene alla formazione del “Quadro di Assetto” (art. 6 T.U.), approvato dalla Giunta della Regione Puglia con DGR n.819 del 2019, che persegue l’obiettivo di classificare le aree tratturali secondo le tre destinazioni d’uso individuate dalla legge; la seconda fase, riguarda l’elaborazione del “Documento Regionale di Valorizzazione”, che ha lo scopo di fissare le regole entro cui devono essere predisposti, quali atti di “dettaglio” del processo di pianificazione, i “Piani Locali di Valorizzazione” di competenza comunale (terza fase).

Il Documento Regionale di Valorizzazione (DVR), è uno strumento di indirizzo che da un lato persegue lo scopo di tutelare, recuperare e conservare i valori naturalistici, storici e culturali dei tratturi regionali e di promuoverne la fruizione, dall’altro punta alla promozione ed allo sviluppo delle attività economiche turistiche, sportive e ricreative, compatibili con i predetti valori, concorrendo al miglioramento della qualità della vita delle comunità locali del Parco Tratturi.

Un’adeguata strategia di valorizzazione, quindi, può rappresentare un’occasione importante non solo per i tratturi come bene da tutelare, ma anche di sviluppo per i territori da essi attraversati.

I criteri progettuali, che saranno definiti nelle linee guida per la valorizzazione dei tratturi del DRV, tengono conto di tre principi fondamentali che orientano le azioni, ossia la salvaguardia della continuità, la fruibilità del percorso e la leggibilità del tracciato.

Le fasi di redazione del DRV sono affiancate da incontri ed attività partecipative che danno vita ad un dialogo tra il gruppo di lavoro incaricato della redazione del Documento di Valorizzazione, gli enti istituzionali coinvolti, le associazioni attive ed i cittadini interessati nel processo, a partire dai portatori di interesse dai tratturi ricadenti negli ambiti di approfondimento individuati.

A tal fine lunedì 4 ottobre 2021 si svolgerà presso la Fattoria Rovello a San Paolo di Civitate l’iniziativa “I TRATTURI DI PUGLIA: UNA RISORSA DA VALORIZZARE. Ambito di studio TRATTURO MAGNO L’AQUILA-FOGGIA” (n.1)

Il  gruppo di lavoro per la redazione del DRV (GdL), composto da incaricati della Sezione Demanio e Patrimonio della Regione Puglia (dirigente e RdP della redazione del DRV avv. Costanza Moreo), del Dipartimento DICATECh del Politecnico di Bari (referente prof.ssa Angela Barbanente), dell’Università di Foggia (referente prof. Saverio Russo) e della Provincia di Foggia (referente arch. Stefano Biscotti), incontrerà i rappresentanti dei comuni attraversati dal Tratturo Magno in territorio pugliese (Chieuti, Serracapriola, San Paolo di Civitate, Torremaggiore, San Severo e Foggia) e associazioni, proloco, comitati, portatori di interesse riuniti in ASSO.PRO.PARCO DEI TRATTURI.

ASSO.PRO.PARCO DEI TRATTURI, è una preziosa rete formata da associazioni ed organizzazioni senza fine di lucro, comitati in difesa e valorizzazione del territorio, enti locali, portatori di interesse e aziende, proloco ecc… impegnate per la promozione culturale e sociale, per la salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente, del territorio, dei beni culturali e delle tradizioni, per lo sviluppo sostenibile dei territori in cui operano, nel rispetto delle popolazioni che lo abitano e del patrimonio materiale e immateriale esistente. Gli “attori chiave” coinvolti in ASSO.PRO.PARCO DEI TRATTURI hanno di recente sottoscritto un accordo di collaborazione per promuovere la realizzazione del Parco Tratturi di Puglia.

Apertura dei lavori prevista alle 10:30 con la presentazione del lavoro finora svolto dal gruppo di lavoro tecnico – scientifico e della rete ASSO.PRO.PARCO DEI TRATTURI.  A seguire la tavola rotonda basata sull’ascolto e sul confronto con rappresentanti dei comuni, associazioni, proloco, comitati, portatori di interesse, a partire da questionari precedentemente predisposti dal gruppo di lavoro.

Dopo aver ascoltato gli interventi della senatrice Gisella Naturale, del direttore del Gal Daunia Rurale 2020 Dante di Lallo, del Consigliere Provinciale di Foggia Fernanda Vocino, del Dirigente scolastico Matteo Scarlato e dell’arch. Anna Pia Urbano sulle possibili strategie di sviluppo e le relative azioni del futuro progetto di valorizzazione del Tratturo Magno in territorio pugliese, l’incontro entrerà in  una fase più operativa attraverso il WORKSHOP “PERCORRIBILITA’, FRUIBILITA’ E RICONOSCIBILITA’, UBICAZIONE DELLE CRITICITA’ E DEI PUNTI DI INTERESSE DEL TRATTURO MAGNO” in cui si lavorerà divisi in tavoli di lavoro differenziati per ambito territoriale guidati dal GdL.

A partire dalle ore 15:30 i rappresentanti dei comuni, associazioni, proloco, comitati, portatori di interesse coinvolti accompagneranno il gruppo di lavoro tecnico-scientifico in sopralluogo nei distinti tratti di competenza.

Sarà possibile restare in contatto e seguire il processo di redazione del DRV tramite il Portale “Puglia Partecipa” della Regione Puglia:

https://partecipazione.regione.puglia.it/processes/TratturiDiPuglia

 

ed anche tramite Facebook:

https://www.facebook.com/Tratturi-DI-Puglia-260257214322449

Altri articoli

Back to top button