ComunicatiPrima pagina

IL SANSEVERESE NANDO FIORETTO VINCE PRESTIGIOSO PREMIO IN INFORMATICA

“Onorato di essere stato selezionato come vincitore del premio Mario Gerla 2021 in Informatica!”, dichiara, pubblicamente e con emozione, sulla propria bacheca Facebook, lo scienziato di origine sanseveresi.
Mario che attualmente insegna presso la “Syracuse University”, è risultato tra i 5 migliori giovani ricercatori italiani in America, durante l’ultima edizione degli “Young Investigator Awards”.
Il premio gli è stato conferito il 9 dicembre, (in modalità digitale), nel corso dell’evento annuale di ISSNAF, la fondazione che riunisce migliaia di scienziati ed accademici italiani attivi in Laboratori, Università e centri di ricerca presenti nel Nord America.
Ma conosciamo meglio Mario curiosando e riassumendo in breve notizie edite sul sito Calvizzanoweb che onora e segue i suoi successi da tempo, essendo i genitori di Nando, Biagio ed Anna, di origini calvizzanesi, un piccolo Comune sito in Campania.
Nando, alla nascita Ferdinando, è nato proprio a San Severo.
Consegue la laurea in Informatica a Parma, specializzandosi in “Intelligenza artificiale” presso l’Università di Udine e, dopo aver vinto una borsa ricerca, si è trasferito nel New Messico.
Vive nel Michigan, ad Ann Arbor, sede di una delle più prestigiose Università americane.
Possiede il titolo di “Research Fellow”, l’equivalente di un ricercatore in Italia ed ha ottenuto un contratto di tre anni con l’Università del Michigan, dove studia metodi per proteggere la privacy e la sicurezza di individui, soprattutto nel contesto della mobilità.
“Oggi giorno quando ci spostiamo, consciamente o inconsapevolmente, ‘doniamo’ una quantità enorme di informazioni, indicando la nostra posizione, dove abbiamo fatto compere, e quanto tempo siamo stati fuori di casa. Recenti studi dimostrano che sono sufficienti solo quattro punti (spazio-temporali) per riconoscere, quasi certamente, un particolare individuo”, ha dichiarato FIORETTO, puntualizzando che il proprio lavoro permette agli utenti di utilizzare applicazioni che rilevano posizioni, comunemente installate nei nostri smart phones (come google maps, o Facebook), o di effettuare pagamenti con carta di credito nei vari negozi, senza esser “tracciati”. La privacy dell’individuo viene così protetta.
Nel 2017 Nando fu anche proclamato “personaggio dell’anno” nell’ambito del premio culturale “Città di Calvizzano” con la motivazione: “Per rigore di impegno civile e di dedizione alla ricerca ed allo studio”.
Inoltre già in occasione dell’assegnazione del premio: “Neo Dottori di Ricerca dell’Associazione Italiana di Intelligenza Artificiale (Artificial intelligence), quando era dottore ricercatore presso l’Università di Udine nel 2017, vinse con la tesi, dal titolo “Exploiting the Structure of Distributed Constraint Optimization Problems”, sulle problematiche di “comunicazione intelligente tra entità delle smart cities ed in particolare delle smart grids energetiche”.
I suoi genitori hanno trasmesso sia a lui che alla sorella valori morali, etici e civili.
Papà Biagio ha lavorato in Puglia per anni per poi tornare a Calvizzano e di Nando “ho potuto apprezzare tantissimo il fatto che, pur non essendoci mai vissuto a Calvizzano, è voluto convolare a nozze proprio nella Parrocchia San Giacomo con Jessica, ingegnere aerospaziale, splendida ragazza messicana”, ha dichiarato il papà con commozione.
Nando è una delle menti migliori che l’Italia potesse regalare all’estero ed i suoi premi sicuramente non finiranno qui, continuando a portare lustro alla sua città natale.
Infatti alla domanda posta sul sito Calvizzanoweb: “Quanto le manca la sua terra?”, Nando dichiarava:
“Certo, l’Italia mi manca. Ci sono alcuni VALORI che sono PROPRI DELLA NOSTRA TERRA, e difficilmente si ritrovano in altri luoghi. Vengo in Italia ogni volta che posso. Durante le feste la si sente di più la lontananza, la mancanza del calore della famiglia. Purtroppo, per diversi anni non sono riuscito a passare il Natale con i miei genitori, e quindi quest’anno mi sono promesso di rientrare per le festività Natalizie”.
La città di San Severo che sarebbe felicissima di riaccoglierlo, si congratula ed è orgogliosa di avere dato la propria natalità ad una mente brillante come la sua, ma anche a tante altre personalità geniali, con l’unica amarezza che i giovani debbano, purtroppo spesso o quasi sempre, realizzarsi all’estero.
(Foto tratta dal suo profilo Facebook).

Altri articoli

Back to top button