ComunicatiIn evidenza

IMPAZZA A SAN SEVERO IL “VIRUS DELL’ECCESSO”

L’Editoriale di DESIO CRISTALLI

Ovunque ti giri vedi gente che agisce in modo <<strano>>. Sembra spesso di vivere in una gabbia di matti, dove non esistono regole e neppure un minimo di educazione e di rispetto del prossimo. Non sappiamo se le tante, troppe ‘stranezze’ della società di casa nostra dipendano da questo maledetto virus che ci sta togliendo tranquillità sociale e senso dell’equilibrio ma certo è che sarebbero salutari più controlli per riportare i più facinorosi ad un ordine mentale più civile. Dappertutto impazza una sorta di <<virus dell’eccesso>>, con gente che non riesce più a fare una fila in modo normale, vestendosi di santa pazienza e di serenità di spirito. Assembramenti a ripetizione in vari punti della città ed ora nei luoghi delle vaccinazioni, dove tanti perdono le staffe e danno in escandescenze. Si arriva anche a casi limite, con parole irripetibili e documentati gesti inconsulti nei confronti del personale sanitario. E non è azzardato aggiungere che, come al solito, …il pesce puzza dalla testa! Le autorità nazionali e regionali avrebbero dovuto disciplinare meglio tutto il trambusto popolare per le vaccinazioni. Bisognava creare e far rispettare senza eccezioni turni quotidiani di vaccinazione, destinando per TUTTI giorni ed ora, senza possibilità di trasgressioni attraverso ferrei controlli anche su chi consente di scavalcare il prossimo ritenendosi ‘vice padreterni’ ai quali tutto è (abusivamente!) consentito. Non se ne può proprio più! Mancava anche l’ultima trovata di aprire punti di vaccinazione senza prenotazioni e quindi al libero arbitrio della marea spesso incontrollabile. Certe autorità ormai assumono decisioni scriteriate, dando per giunta pessimo esempio nell’arrogarsi il diritto (per investitura divina?) di vaccinarsi per proprio decreto. Poi queste stesse autorità (con l’iniziale rigorosamente minuscola!) si meravigliano del fatto che la gente se ne frega di andare a votare. Di questo passo, tra poco a votare ci andranno solo chi vive di politica, i loro parenti e compagni di merende. In questa situazione sociale così deteriorata, per venirne fuori non rimane altro che l’aiuto di DIO per ritrovare tutti i valori perduti e cioè equilibrio, rispetto, dignità, moderazione e civiltà.

Altri articoli

Back to top button