CronacaIn evidenza

LA PROTESTA DEGLI OPERATORI DEL 118 “NOI A RISCHIO INFEZIONE” MANCA LA TUTELA PER I PROPRI OPERATORI.

Gli operatori del 118 si infettano? 

Questo succede quando gli operatori non sono dotati di protezioni idonee per fronteggiare l’emergenza COVID19, se avessero i DPI a norma (come cita la legge) nessuno rischierebbe di infettarsi.
Tutti gli operatori, sono chiamati ad affrontare situazioni di emergenza per soccorrere e salvare vite umane, ma sono costretti a convivere con ansie e paure a causa del pericolo infezione.

Tutti loro hanno famiglia e posso trasmettere involontariamente il virus anche ai loro cari! 
In data 14 marzo 2020, gli operatori del 118 di Capitanata, PUR CONTINUANDO A GARANTIRE IL SERVIZIO, hanno manifestato alle autorità competenti, tutto il loro disappunto per la mancanza di DPI (dispositivi di protezione) adeguati, difatti pare che le attuali protezioni non sarebbero a norma. Qui di seguito pubblichiamo il testo integrale della nota sottoscritta dagli operatori:

 

“Oggetto: Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Richiesta urgente di DPI idonei per fronteggiare l’emergenza.

Gli infermieri delle P.E.T. 118 Borgo Incoronata, Macchia Gialla e Don Uva insieme all’equipe automedica di Foggia,Vi segnalano con estrema sollecitudine la non idoneità dei DPI, contenuti nel kit per la protezione da COVID-19,distribuiti dall’ASL Foggia alle succitatepostazioni 118. Il suddettoKIT NON IDONEO comprende:

  • Tute monouso in polipropilene 100% di categoria I (UNI EN ISO 13688:2013) adatte, secondole normative europee, “solo per rischi minori”, quali: lavori di hobbistica, giardinaggio e protezione da prodotti per la pulizia poco aggressivi. Tali tute si lacerano con facilità e sono distribuite solo in unica taglia;
  • Guantimedicali monouso in nitrile, che lasciano scoperti lembi di pelle;
  • Calzari monouso, che lasciano scoperte le calzature da lavoro sulla parte superiore e hanno una taglia che va dal numero 35 al 39 solamente;
  • Mascherina chirurgica con visiera in plastica;
  • Mascherina con filtraggio FFP2;
  • Mascherina chirurgica per paziente.

Ai sensi del D.Lgs 81/2008 il datore di lavoro, in questo caso l’ASL Foggia, È TENUTO A FORNIRE AI SUOI DIPENDENTI I DPI IDONEI A FAR FRONTE ALL’EMERGENZA DA COVID-19, chedevono appartenere alla categoria III, per rischi mortali o lesioni gravi tra cui rischi microbiologici, in particolare:

  • Tute impermeabili con copricapo per il contenimento del rischio biologico tipo 5-6 categoria III (UNI EN ISO 14126);
  • Occhiali a maschera in policarbonato sovrapponibili e trasparenti (EN 166);
  • Guanti in nitrile blu alti (EN ISO 374-5:2016);
  • Mascherinedi protezione e filtraggio FFP3 (adatte al filtraggio di particelle di sostanze nocive e microrganismi patogeni di dimensioni fino a 0,6 pm).Inoltre si Richiede che i suddetti DPIvengano forniti ad ogni Unità Operativa dell’Equipe 118 e per ogni turno, in modo da garantire la sicurezza di tutti gli operatori sanitari durante il periodo pandemico COVID-19 (D.Lgs 81/2008 [3]]);

N.B. Le caratteristiche di sicurezza dei DPI vengono garantite solo se gli indumenti sono di taglia adeguata a chi li usa.

La Nostra richiesta vi pone una Riflessione epidemiologico-sanitaria quella secondo la quale è lecito dedurre in base a quanti operatori sanitari sono in quarantena nella nostra provincia e a quanto personale sanitario stiamo perdendo drammaticamente nelle nostre rianimazioni nell’arco di 10 giorni, forse non sono stati protetti con i DPI Idonei.

Per cui armati di professionalità, coraggio, abnegazione e spirito di sacrificio ci auguriamo di vedere al più presto garantita la nostra sicurezza affinchè non avvenga la trasformazione degli operatori 118 in vettori covid-19, esclusivamente nel benessere della cittadinanza ai sensi del art. 34 e 42 codice deontologico, Art.2047 del C.C. e Art.51,52 e 54 del C.P.;”

Fiduciosi di un immediato e tempestivo riscontro e fiduciosi della Vostra comprensione, porgiamo distinti saluti.                                                                 

Foggia 14/03/2020

Altri articoli

Back to top button