CronacaIn evidenza

LA SPARATORIA DI VIA CARLI HA SPORCATO DI SANGUE IL CAPODANNO DI SAN SEVERO

Ancora una volta via Mario Carli è stata ieri sera teatro di una folle sparatoria che ha lasciato sul campo due feriti, ricoverati malconci uno a San Severo e l’altro a San Giovanni Rotondo. Un ‘fattaccio’ che fa seguito ad un periodo più o meno tranquillo, condito solo da qualche rapina minore e da qualche ‘spaccata’ sulla principale Via Solis. Questo episodio da Far West, arrivato la sera di Capodanno come un fulmine a ciel sereno richiama di volata le Forze dell’Ordine ad una ulteriore stretta di freni e la politica locale ad una riflessione da fare in sede prefettizia nel corso di un Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica con la partecipazione dei vertici di Capitanata di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza. Due giovanissimi sono saliti ancora una volta, in una Città ancora sofferente per certi mali del recente passato, agli onori della cronaca con gesti inconsulti e socialmente riprovevoli. Un altro teatrale regolamento di conti che, oltre tutto, speriamo non preluda ad ulteriori e più feroci agguati a colpi di pistola. Vince ancora la brutalità pur in un momento di grave sofferenza sociale a motivo di una pandemia che dovrebbe insegnare tanto a tutti e che invece si scontra ancora e sempre con una fetta di gioventù refrattaria e capace di dirimere certe rivalità solo con la forza delle armi. E tutto ciò mentre la collettività locale sperava di aprire col nuovo anno un capitolo diverso e decisamente migliore della sua storia contemporanea. La stragrande parte sana della società sanseverese è costretta ancora una volta a commentare atti di ferocia pura e a vedere il nome onorabile di questa terra gettato nel fango. E allora la reazione dello Stato deve essere ancora una volta forte e capace di sommergere la follia di pochi con l’azione civile e purificatrice della Legge e della Giustizia. E’ quello che tanta gente chiede ogni volta che accadono fatti di questa gravità che sciorinano il bagaglio peggiore della natura umana.

LA REDAZIONE   

Altri articoli

Back to top button