ComunicatiPrima pagina

L’ACCADEMIA DELLA NOBIL’PASTA PUNTA ALLA PROMOZIONE DELLA TERRA DI PUGLIA

LETTERA ALLA “GAZZETTA”

Ha destato non poche perplessità e qualche inquietudine in Puglia l’articolo del New York Times relativo alle condizioni igieniche e l’assenza di visibilità riguardo alla confezione delle orecchiette nel vecchio quartiere murattiano di Bari. La mia idea è di partire da quanto di negativo ha scritto quel giornalista (come riportato da Telenorba), per evidenziare la positività della nostra azione. Da un lato l’articolo americano getta un’ombra anche sugli aspetti turistici della Puglia; dall’altro lato emerge vieppiù l’azione dell’Accademia della Nobil’Pasta e del suo ideatore che firma questa lettera e che ha avuto l’idea lungimirante di creare talesodalizio proprio con l’intento di dare ulteriore notorietà alla nostra regione proprio partendo da una sua vecchia tradizione, cioè l’orecchietta. E partendo dall’orecchietta andare a promuovere tutti i prodotti che fanno da contorno per la sua cottura e la sua degustazione,dall’antipasto al dolce, dai prodotti sott’olio ai dolci tipici come le cartellate ed altre tradizioni culinarie pugliesi.Senza dimenticare i salumi, i prodotti di caseificio e ovviamente l’olio extra vergine di oliva ed il vino.

Un’azione partita ben 14 anni fa nell’indifferenza dei politici e che oggi, dopo questo articolo negativo del New York Times, assume un’importanza ancora maggiore. Il sodalizio è arricchito da un gruppo difedeli membri dell’Associazione Franco Italiana “Le Rondini Pugliesi” di Bourg-en-Bresse (Francia) che persegue cocciutamente la sua azione di promozione del Made in Puglia, compreso il turismo,sollevando ammirazione fuori regione…è il caso di dire…tranne in terra di Puglia dove i politici stanno a guardare! Cosa aspetta la Puglia a sostenere tutte le vere iniziative che servono a valorizzare il territorio?Con la sua piccola struttura e senza alcun aiuto finanziario dalla Regione Puglia, l’Accademia promuove la sua regione d’origine efficacemente, valorizzando tutto quello che la sua terra ha di piùbello e di più suggestivo, le sue tradizioni secolari, la qualità dei suoi prodotti, le sue bellezzearchitettoniche e paesaggistiche, la sua ospitalità. Tutto quel che facciamo poco a poco sta portando i suoi frutti perchè com’è stato pubblicato sulla GAZZETTA DI SAN SEVERO lo scorso 7 dicembre, nel Comune di Barletta sono state gettate le basi per la diffusione di una ulteriore azione in Puglia. In tale occasione sono stati insignitiall’Ordine dell’Orecchietta la Signora ANGELA AMATO, Presidente dell’Associazione Molfettesi nelMondo, e l’ing. SALVATORE SCARDIGNO Presidente dell’Associazione dei Molfettesi d’America. Tutti e due, insigniti con il compito di sviluppare l’azionedell’Accademia nelle loro aeree di competenza, cioè Barletta per la AMATO ed il New Jersey perSCARDIGNO. Aggiungo che l’anno scorso è stata insediata in San Severo la prima Ambasciatadell’Accademia della Nobil’Pasta con il compito di coordinare le azione sul territorio pugliese. Puntiamo nel tempo ad un riconoscimento tipo IGP, AOP che regolamenta anche l’utilizzo del tipo di prodotto base come lasemola di grano duro, le condizioni di igiene da rispettare, ecc… Ma anche un riconoscimento dell’UNESCOcome patrimonio dell’umanità. Così facendo si tutela non solo una tradizione ma tutto un territorio. Inutile dire, quali potrebberoessere i vantaggi di un tale riconoscimento ad incominciare dallo sviluppo economico generale.

ENRICO PALMIERI

Pres. ‘Rondini Pugliesi’

Bourg en Bresse (Francia)

Altri articoli

Back to top button