ComunicatiPrima pagina

L’appello ai politici di Lucio Renna, Vescovo Carmelitano

Premesso che la situazione attuale è intricatissima sotto tantissimi aspetti; e che comunque a prescindere “tot capita tot sententiae” (tante teste, tanti pareri), rivolgo a tutti voi un appello perché, nell’attuale fase sociale, in preparazione al 25 settembre, abbiate come primo vostro interesse individuare le priorità reali che agevolino la collettività italiana. Quello che è accaduto ultimamente non era affatto in questa direzione di vedute e di azioni. Con tanti mali che travagliano il popolo, non doveva assolutamente accadere. Da varie parti del mondo avete ricevuto critiche durissime. Ma, come sentenzia una massima latina, “Quod factum est infectum fieri non potest” (non si può annullare ciò che è accaduto) ora si tratta di prendere sul serio il servizio al popolo che vi sarà affidato con il voto del 25. Spero che siano in molti gli italiani che voteranno. Col voto, consegnano a voi l’impegno di promuovere tutto ciò che serve per una vita dignitosa della gente. Rispolverate e rinverdite “il sano orgoglio italiano”, ridategli la dignità che merita.
Anche se di differenti provenienze politiche, nel formare la classe dirigente sia per voi un imperativo categorico quello di mettere in cima ai vostri interessi il bene della gente. Per questo siete votati, questo sia prioritario per voi. Chi non ha tale intento, abbia l’onestà di non mettersi in lista. L’agone politico non sia un campo di battaglia, ma una fucina per costruire un futuro migliore. Auguro a tutti coloro che pongono il loro nome e cognome sulle varie liste, di esser animati da sani propositi e, se eletti, di mantenerli nel dialogo di confronto e di scelte con gli eletti in liste diverse dalla loro. È il momento di scelte serie…non sciupatelo… valorizzatelo al massimo!

+ Lucio Renna, Vescovo Carmelitano

Altri articoli

Back to top button